I senatori francesi tornano sui cambiamenti per “rilassare” la legge sull’aborto

Manifestazione a Parigi a favore dell'aborto

Manifestazione a Parigi a favore dell’aborto

Il Senato francese ha fatto marcia indietro riguardo proposte di modifica della legge sull’aborto del paese, in un momento così critico come quello in cui gli Stati Uniti adottano misure sempre più severe per scoraggiare le donne dal cercare l’aborto.

Il 7 giugno, il Senato francese ha adottato una legge che aumenta il ritardo legale in cui è possibile per le donne ottenere un aborto, da 12 settimane a 14 settimane. Solo 22 senatori si sono presentati al voto. Ma pochi giorni dopo, il corpo legislativo ha ribaltato la sua decisione in una seconda udienza del disegno di legge.

Il Senato non è esattamente una camera progressista, quindi non siamo molto sorpresi, ma siamo molto delusi“, ha detto Véronique Séhier, co-presidente dell’organizzazione di pianificazione familiare della Francia, in un’intervista con FRANCE 24. L’organizzazione è a favore della scelta e dispensa consigli su aborti sicuri e salute sessuale e riproduttiva.

La pianificazione familiare sta spingendo da anni per allungare il periodo legale per ottenere un aborto. “Anche se sappiamo che la maggior parte degli aborti avvengono prima delle 10 settimane“, ha spiegato Séhier, “migliaia di donne hanno ancora problemi ad accedere all’aborto“.

Ciò è in parte dovuto al numero in calo di centri medici nel paese che offre l’aborto, il che significa che alcune donne non hanno alcun fornitore di aborto che sia accessibile o situato convenientemente. Più di 130 centri sanitari che praticano aborti sono stati chiusi tra il 2001 e il 2011.

Ci sono una serie di motivi per cui le donne potrebbero cercare un aborto tardivo dopo 12 settimane di gravidanza: lo screening per soggetti analoghi alla sindrome di Down può aver luogo solo quando una persona è incinta di circa 11-14 settimane; disagio geografico; scoprendo solo tardi che sono incinta; rimanere incinta in un contesto di violenza domestica; o anche avere alcuni medici che si rifiutano di abortire, citando la “clausola di coscienza”.

Ogni anno in Francia tra le 3.000 e le 5.000 donne viaggiano all’estero, di solito in Spagna o nei Paesi Bassi, per cercare aborti perché il termine di 12 settimane è scaduto. In entrambi i paesi, le donne possono ottenere aborti rispettivamente fino a 22 o 24 settimane di gravidanza. Coloro che non hanno i mezzi finanziari per andare all’estero devono affrontare una gravidanza indesiderata.

Il governo sta solo ampliando i ritardi legislativi sull’aborto

Il senatore del partito socialista francese Laurence Roussignol ha presentato l’emendamento il 7 giugno. Ha dichiarato a FRANCE 24 che “era stata adottata dalla maggioranza dei presenti [e] era giustificata perché mirava ad affrontare i” deserti medici “e le casseforti diffuse della maternità reparti”. L’emendamento afferma che “non esiste un consenso scientifico su un periodo di tempo necessario” per accedere ad un aborto sicuro e che il cambiamento “rappresenta un miglioramento dei diritti sessuali e riproduttivi delle donne“.

Ma l’emendamento è stato votato in ribasso da 205 voti a 102 quando è arrivato in camera l’11 giugno. Il partito conservatore francese, The Republicans, aveva chiesto un secondo voto, affermando che c’erano stati troppi senatori assenti dal primo.

Il ministro della salute Agnès Buzyn ha detto che il disegno di legge doveva essere rimosso e sarebbe stato rinviato a settembre.

Il governo sta solo ampliando i ritardi legislativi“, ha detto Roussignol in risposta alla decisione del governo. “L’emendamento sarebbe stato in vigore entro 15 giorni“.

Roussignol ha anche accusato il partito del presidente francese Emmanuel Macron, la Repubblica in movimento, di schierarsi deliberatamente con il lato più conservatore della camera per sostenere un’alleanza a disagio.

La retromarcia del Senato francese arriva poche settimane dopo che lo stato dell’Alabama negli Stati Uniti ha vietato praticamente tutti gli aborti, anche in caso di stupro o incesto, scatenando le proteste. Altri Stati americani hanno seguito l’esempio, con la Louisiana, la Georgia, il Kentucky, l’Ohio e il Mississippi che promulgano le leggi che vietano l’aborto dopo la sesta settimana di gravidanza.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: