Sta per arrivare la Kadjar, più moderna e rivista in ogni particolare

Sta per arrivare la Kadjar con un restyling sostanzioso ma ad una prima occhiata,  poco evidente. Nasconde invece una piccola ma profonda rivoluzione. Il Kadjar – è cosa nota – nasce direttamente dalla Nissan Qashqai, che è di fatto il capostipide di tutti i Crossover Midi-Size. Da questa base di partenza non poteva che nascere un buon prodotto. Forse un’eccessiva presunzione e relative aspettative hanno lasciato un po’ d’amaro in bocca in casa Renault.  Una bella macchina, ben fatta, ma con poca personalità….un déjà vu. E forse ciò è pesato anche a livello di vendite (più di 450.000 vetture vendute).

Oggi si sta provando ad imprimere maggiore carattere ad una macchina più che valida, ma che nell’estetica aveva troppa Captur, e non si era scrollata di dosso la Qashqai. Un operazione non facile su un prodotto nuovo. La Kadjar nasce nel 2015. I felici possessori non potevano essere traditi. Rimane fedele a se stessa ma, al contempo, acquista tanto di nuovo.

I miglioramenti sono evidenti nell’estetica della carrozzeria, e nella qualità, quanto negli interni, nel confort e nella plancia.

Motori:

Poco tempo fa abbiamo parlato delle nuove motorizzazioni benzina e diesel più performanti e efficienti – di casa Renault, che ovviamente avranno applicazione anche su questa vettura.

Si tratta delle nuove unità già adottate dalla Scenic e Megane e che a breve si diffonderanno su tutta la gamma (Renault/Nissan/Mercedes) anche con nuove specifiche. Tali propulsori nascono dalla Collaborazione della Casa Transalpina con la MercedesBenz. Un Benzina  1.3 TCe FAP  –  4 cilindri dalla coppia generosa offre grande spunto al veicolo a bassi regimi. Si articola in quattro offerte: TCe 140 FAP a cambio manuale, TCe 140 FAP a cambio EDC, TCe 160 FAP a cambio manuale e TCe 160 FAP a cambio EDC.

Diesel  1.5  Blue dci– dotato di un sistema di riduzione catalitica selettiva (SCR), il motor  Blue dCi è disponibile con cambio manuale, verrà successivamente proposto con cambio automatico a doppia frizione EDC.

Il Diesel 1.7 dCi evoluzione del 1.6 dCi (R9M) con sistema di trattamento AdBlue, ed è omologato con le severe normative Euro 6d. È abbinabile al cambio a doppia frizione Renault EDC a 6 rapporti (Getrag 6DCT450) ed al cambio manuale sei marce PK4. Sarà declinato con potenze di 120 CV e 150 CV. (per le potenze superiori c’è il nuovissimo 2.0 dCi da 170 CV / 200 CV).

Esterni:

Esteticamente le differenze maggiori sono nel frontale. Una calandra più ampia e cromata,  ora con fari più filanti e con elementi grafici a led (C-Shape). Con la tecnologia Pure Vision anche i fendinebbia sono a led, come anche i fari posteriori  e le luci di retromarcia e il singolo fendinebbia posteriore. Tali luci sono ora integrate nel fascione posteriore, alleggerendo l’insieme. Nuove cromature e nuovi inserti luminosi, ne cambiano l’impronta visiva.

Interni:

A Cambiare all’interno, è anche la plancia. Diversa nella grafica e nello schermo touch – ora integrato al meglio. Le dimensioni sono solo di   7” per il  sistema R-LINK 2 affiancato sui due lati dai pulsanti di controllo. Ora è a filo con la superficie del cruscotto.

Il sistema multimediale connesso R-LINK 2 di Nuovo Kadjar è dotato della funzione smartphone replication: è compatibile con Android Auto ed Apple CarPlay. L’utente può quindi visualizzare tutte le applicazioni presenti sullo smartphone, direttamente  sullo schermo dell’auto, per un livello ottimale di sicurezza ed ergonomia.

Cambiano i comandi della climatizzazione, con nuova grafica digitale inserita nei comandi. Modificati anche i pulsanti dei vetri elettrici e comandi degli specchi esterni. Cambiano le rifiniture delle bocchette d’areazione. Nuova la parte inferiore della plancia, come anche i pannelli porte.

Nuovi i materiali per i rivestimenti. Cambiano i sedili ora dispongono di regolazioni della lunghezza della seduta. Presentato imbottiture in schiuma a doppia densità per un comfort ottimale in grado di cancellare la stanchezza nei lunghi viaggi. I rinforzi laterali più resistenti garantiscono inoltre una maggior tenuta e i braccioli scorrevoli anteriori si adattano a tutte le altezze. I passeggeri hanno a disposizione due prese USB per  telefoni, tablet.  C’è anche l’Alcantara tra i rivestimenti. Tante le nuove versioni, che prevedono tanti piccoli accorgimenti che migliorano la vita a bordo e l’estetica generale dell’auto.

Il Bagagliaio, già tra i migliori della categoria,  527 litri. I sedili posteriori 2/3-1/3 si abbassano velocemente grazie alle maniglie «Easy Break» situate su entrambi i lati del bagagliaio

Sono offerti nuovi colori inediti: Verde Oural , Blu Iron e Grigio Magnete.

Nuovi anche i cerchi in lega: 17”, 18” e 19”.

Trazione, anteriore o 4×4

La trasmissione integrale 4WD di Kadjar deriva da Qashqai. Grazie a un selettore la scelta può essere impostata sulla trazione anteriore, un sistemo automatico di determinazione della scelta ottimale e il classico Lock delle 4×4 moderne, per affrontare i terreni più impervi (fino a 40 Km/h). [altezza dal suolo raggiunge i 20 cm . Gli angoli di incidenza sono rispettivamente a 17° e di uscita 25°]. Nella versione a trazione anteriore, si può optare per un sistema di controllo della trazione per i terreni scivolosi, l’Extended Grip. Associato a gomme « mud and snow » per avere la migliore tenuta possibile nelle situazioni difficili.

Provare per credere…

 

 

 

 

Share

Commenti

commenti