Peugeot 2008, in arrivo una vera Révolution (che si preannuncia vincente)

Arriverà entro pochissimo tempo il nuovo Peugeot 2008, un cambiamento radicale di stile e di contenuti. Un’auto completamente nuova che strizza l’occhio al 3008 e conquista per i contenuti e motorizzazioni. C’è ovviamente anche la versione e-2008.

Con il successo della prima generazione e data l’importanza e la crescita delle vendite dei piccoli Crossover nel mercato automobilistico europeo, era impensabile non vedere arrivare una seconda generazione del modello che segna comunque una quota rilevante delle vendite per la casa transalpina.

Sulla scia di un 208 i cui primi passi sulla scena internazionale non sono passati inosservati, Peugeot presenta oggi il suo nuovo 2008.  Basta un’occhiata per capire che la missione principale dell’azienda Sochaux era quella di dare più stile ad un modello che era stato si personale, ma che non aveva convinto poi troppo. Di fatto si trattava di una 208 alzata e allungata e se ne scoprivano facilmente i tratti.

In nuovo 2008 è cresciuto per misure e contenuti. Questa seconda generazione è cresciuta di 14 cm, allargata di 3 cm pur essendo significativamente più bassa. Con i suoi 4.30 m di lunghezza e un passo da 2.60 m,  il 2008 stacca e anche di molto quelle vetture che si potevano definire “concorrenti”, andando – di fatto – ad infastidire le auto anche di categoria superiore. Misure e contenuti ne fanno più un crossover di una categoria ancora diversa da quelle conosciute ad oggi. Di fatto ormai, non ci può più essere una vera suddivisione, con delle intromissioni continue da un gruppo ad un altro. Quelle che ieri erano per il vecchio 2008 concorrenti: Citroën C3 Aircross (4,15 m), Hyundai Kona ( 4,17 m ), Kia Stonic ( 4,14 m ), Seat Arona (4,14 m) e VW T-Cross (4,11 m) Ford Ecosport (4,09 m ), Renault Captur (4.12 m ), sono oggi auto di categoria inferiore. A breve, sia la Ford che la Renault presenteranno le nuove versioni dei loro “piccoli”Crossover e forse ci sarà un riequilibrio, ma al momento la nuova 2008 sembra proprio di una categoria superiore. A ben vederla è di fatto una 3008 più piccola, le forme sono meno slanciate ed è forse nell’insieme un po troppo “plasticosa”, però è certo che è ben rifinita ed elegante.

Sotto questo vestito tutto nuovo si nasconde una meccanica che si basa sulla nuova piattaforma della Peugeot per i modelli medio-piccoli, la CMP, modulare in termini di dimensioni e di motorizzazioni. L’appellativo “multi-energia” viene definito per le diverse tipologie di alimentazione e motorizzazione: termica (benzina / Diesel) o totalmente elettrica.

La meccanica ricalca i principi generali della 208 e li “esalta” verso l’alto e nello sbalzo posteriore. Una base che è già studiata per accogliere le versioni a propulsione elettrica e quindi i pacchi batterie, ben distribuiti per non compromettere la guidabilità e la tenuta dell’auto.

Sulla nuova plancia che rispecchia lo stile Peugeot delle ultime generazioni troviamo oltre allo schermo multimediale da 7” o 10” pollici materiali e finiture che rappresentano un vero progresso in termini di lavorazione e contenuti. Ci sono molti dettagli della 3008 e il volante piccolo, in perfetto stile Peugeot. Dietro lo spazio è molto più ampio di prima e così anche il  bagagliaio che raggiunge una capacità di ben  434 dm3 utilizzando il doppio pavimento.

Sotto il  cofano del nuovo 2008 troviamo  tre motori a benzina 3 cilindri 1.2 turbo, associati a un cambio meccanico a 6 marce o automatico a 8 marce : PureTech 100 CV; PureTech 130 CV;  PureTech 155 CV (Versione GT). Sono previste anche due versioni  diesel 1.5 a 4 cilindri: BlueHDi 100 CV e BlueHDi 130 CV. Grande prima assoluta, sarà poi la versione elettrica della  2008. Riprenderà la potenza della e-208, una batteria da 50 kWh che alimenta un motore elettrico da 136 CV e offre un’autonomia teorica di 310 km nella certificazione WLTP . Esteticamente, si distingue solo per la sua griglia bluastra e per i loghi specifici “e”.Tutte le versioni del 2008 avranno una configurazione base che prevede molti sistemi di sicurezza attivi. Sistemi chiamati ADAS. Questi stessi potranno essere ulteriormente arricchiti con optional secondo la versione o l’acquisto dell’utente. In ogni caso saranno previsti : Adaptive Cruise Control con funzione Stop & Go (in presenza del cambio automatico EAT8) con adeguamento automatico della distanza dal veicolo che precede; Lane Positioning Assist, mantenimento automatico del veicolo in carreggiata; Park Assist con funzione perimetrale Flankguard ;Active Safety Brake, la frenata automatica di emergenza; Active lane departure warning;Driver Attention Alert; High Beam Assist; Speed Limit Detection; Extended Traffic Sign Recognition; Active Blind Corner Assist e molti altri…

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: