Land Rover Discovery 5-2017 L’auto che identifica un marchio che si rinnova

discovery17-17

Dopo sette anni di servizio, Land Rover manda in pensione la sua quarta generazione Discovery  LR4. Auto di grande prestigio e dalle doti eccezionali. Dopo diversi aggiornamenti e restyling lascia il posto ad un’auto tutta nuova “Il Nuovo Discovery”, stesso nome, ma auto completamente diversa per carattere, indole, temperamento, confort e per un design che riprendendo i canoni stilistici delle ultime produzioni della casa Inglese, li esalta portandoli ad un livello di raffinatezza eccezionale. Abbiamo visto il suo debutto al Salone di Parigi 2016.

Land Rover, Discovery 2017 abbandona lo stile duro e puro delle precedenti generazioni per un design  moderno e un nuovo telaio. Ci sono dei richiami estetici che danno un’idea di continuità col modello precedente, ma sono puri giochi di design.

Il tetto presenta uno scalino con i possibili vetri opzionali da porre sopra le teste, che donano luminosità e una bella sensazione. (Anche se poi, non ce ne è una materiale necessità). L’altezza e l’ampie vetrature danno già tanta luce all’interno dell’abitacolo. Cambia posteriormente il portellone e le sue dimensioni. Ora è unico, un po’ come tutte le vetture. Perde la doppia apertura e la ribaltina, ma guadagna in semplicità, non in praticità.

Misure: nuove le  dimensioni, 497,5 cm di lunghezza. Il  passo si è allungato, arrivando a  292 cm. La larghezza è ora di 222 cm. L’altezza infine è di 186 cm (appena un centimetro in meno). Nonostante la sua impronta a terra più ampia, la  quinta generazione del  Discovery pesa meno della precedente versione di ben 480 chili (a seconda della configurazione). Tutto ciò grazie al nuovo pianale Full Size e l’uso dell’alluminio in buona parte della carrozzeria. A livello di sospensioni, anteriormente troviamo uno schema con a doppio braccio oscillante. Dietro c’è un telaio ausiliare posteriore sempre in alluminio, utile per la ripartizione dei pesi ed un alleggerimento generale del tutto. La sospensione è stata studiata per mantenere inalterato il confort e garantire al contempo una maggiore rigidezza. Lo schema rispecchia la configurazione con sospensioni  Multilink che lavorano egregiamente su tutti i fondi e possono essere regolate con un’escursione di circa 6 cm,  per altezza attraverso un comando elettropneumatico.

discovery06-17

Land Rover è sinonimo di  Fuoristrada. Pur appartenendo questo nuovo veicolo alla categoria SUV extralusso, le caratteristiche tipiche del marchio vengono comunque rispettate e  supportate dall’evoluzione tecnologica.

Alcune specifiche che danno l’idea di come possa essere sviluppata: L’altezza minima da terra è di 28 cm,  con un angolo di attacco di 34° e di superamento dosso di  27,5°. In uscita sono 30°. Il superamento guado si attesta sui 90 cm circa, con un isolamento dall’acqua  equivalente ad una imbarcazione.

La trazione viene distribuita nell’uso quotidiano al 58% al posteriore e il restante davanti. In caso di mutazioni del fondo e del terreno la situazione cambia automaticamente arrivando fino al 62% all’anteriore oppure 78 dietro.

In ordine alla trazione, alla tenuta e al superamento dei terreni più difficili, Land Rover resta tra le case automobilistiche che meglio ha saputo interpretare l’evoluzione dei sistemi elettronici di supporto alla guida. Già nella precedente versione era presente. Oggi ha una nuova veste grafica più ergonomica ed elegante. Stiamo parlando del All-Terrain Progress: Terrain Response 2 Auto, Gradient Release Control, e il controllo della velocità in discesa. questi i sistemi di guida nel fuoristrada medio ed estremo.

discovery-17-0

Nella guida su strada ci sono molti supporti alla guida, tra cui la frenata autonoma di emergenza, il cruise control adattivo, il sistema di assistenza nel parcheggio, il monitoraggio dell’angolo cieco, eil rilevamento dei veicoli, Il lane-assist con correzione attiva sullo sterzo,  il sistma che evita l’abbagliamento dei fari e un sistema di telecamere posteriori.

La trazione viene scaricata a terra attraverso una trasmissione ZF a 8 rapporti. La potenza viene di propulsori. Tutti della serie Ingenium  (gli stessi della Jaguar per intenderci) che sono: quattro e sei cilindri, sia benzina che diesel. Tra le unità a gasolio troviamo il 2.0 litri da 180 e 240 CV, e il 3.0 V6  litri da 249 CV. Per quanto riguarda i propulsori benzina c’è 3.0 V6  litri Supercharged da 340 CV.

Interni:

Secondo i vari allestimenti ci sono ben cinque colori per gli interni. Tutti i modelli hanno di serie l’ultima versione del sistema  InControl Touch Pro di infotainment, che dispone di un touchscreen da 10,2 pollici, hotspot Wi-Fi: molte le funzionalità e i sistemi di supporto che aiuta ad arrivare a destinazione e ti consente di ascoltare la musica preferita. Nei modelli  HSE e HSE Luxury ci sono connettività diretta e l’accesso rapido alle informazioni. Offre anche 10 GB di memoria per l’archiviazione di film HD o di circa 2.000 brani, oltre a porte USB e a prese di ricarica.  InControl Connect Pro consente l’aggiunta di servizi, tecnologie e applicazioni per la massima connettività e praticità. Tra le prerogative del sistema c’è la possibilità di avere informazioni sul traffico in tempo reale, verificare la disponibilità di parcheggi e i relativi prezzi e visualizzare le  immagini a livello della strada. L’app per smartphone InControl Route Planner ti consente di inviare destinazioni direttamente dal telefono all’auto, oltre ad accedere alle indicazioni per raggiungere la tua destinazione a piedi o tramite i trasporti pubblici una volta parcheggiata l’auto.

Tutte le funzioni principali e secondarie sono visibili sul display Touch da 10”, ma anche – attraverso la app dedicata sul proprio smartphone. Molti comandi sono eseguibili “in remote”, direttamente dallo smartphone (come ad esempio il ribaltamento dei sedili posteriori e la creazione della terza fila, c’è il comando fisico nel bagagliaio/touch sul sistema infotainment e sullo smartphone). Sempre tramite smartphone con “InControl Protect” si possono programmare la richiesta di aiuto ai servizi di soccorso in caso di incidente. In alternativa, è possibile chiamare direttamente i servizi di soccorso tramite un pulsante integrato.

Per concludere parliamo di una chicca: l’Activity Key (opzionale) è pensata come un bracciale pratico resistente ed impermeabile. Si può  indossare e utilizzarlo per aprire o chiudere la tua Land Rover senza bisogno di un telecomando.

Non ho parlato del Bagagliaio. Questo secondo le configurazioni può variare tra quello di una superutilitaria (quando sono presente sette sedili), a quello di un furgone molto elegante con i soli sedili anteriori. Si parte da un vano di carico di 258 lt, per arrivare ad un dimensionamento massimo di 2406 Lt.  Completano  lo spazio di carico i numerosi vani portaoggetti in tutto il veicolo, tra cui un doppio vano portaoggetti, più il cassetto della plancia e spazi ricavati qui e là tra i sedili della terza fila e le grandi tasche delle portiere.

Concludendo riepiloghiamo le principali dotazioni di serie:

Esterni: Parabrezza laminato isolamento acustico; lunotto termico con tergilunotto; luci sottoporta; specchietti retrovisori esterni riscaldati; controllo della stabilità del rimorchio; ganci di recupero anteriore e posteriore.

Meccanica e Sicurezza: Cambio automatico a 8 rapporti; scatola di rinvio a una velocità (solo marce alte) con Terrain Response; sospensioni elicoidali (solo 5 sedili); tecnologia Stop/Start; Hill Descent; control (HDC); sistema frenante antibloccaggio (ABS); servosterzo elettrico (EPAS); controllo elettronico della trazione (ETC): assistenza alla partenza in salita; controllo dinamico della stabilità (DSC); roll stability control (RSC, Controllo della stabilità antirollio); freno di stazionamento elettronico (EPB); servofreno di emergenza (EBA); distribuzione elettronica della forza frenante (EBD); gradient acceleration control (GAC): computer di bordo; avviso acustico cintura di sicurezza (inclusa terza fila); airbag laterali anteriori; attivazione lampeggiatori di emergenza in caso di frenata improvvisa; allarme perimetrale; attivazione dei sistemi di ritenuta in caso di ribaltamento; airbag laterali a tendina.

discovery19-17

E’ previsto l’arrivo nelle concessionarie  dalla metà  del 2017.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: