GSX-S750 YUGEN CARBON, sportiva allo stato puro

La Suzuki GSX-S750 rappresenta una proposta unica nel panorama motociclistico attuale. Non esistono infatti altre naked settemmezzo a quattro cilindri, una tipologia di moto leggendaria, che ha scritto pagine epiche della storia a due ruote. La formula è ancora vincente, perché combina in modo sapiente emozioni mozzafiato e fruibilità, mettendo le alte prestazioni alla portata di tutti. E oggi Suzuki rende questo modello ancor più desiderabile con le nuove versioni YUGEN: TITANIUM e CARBON.

YUGEN nell’arte giapponese indica “le capacità misteriose che non possono essere descritte a parole”.

Particolari che fanno la differenza

Suzuki GSX-S750 sarà disponibile nelle versioni YUGEN TITANIUM e CARBON,Entrambe condivideranno i contenuti, differendo solamente per il materiale di finitura dello scarico (rispettivamente in carbonio o in titanio).

Riassumendo, le GSX-S750 saranno così allestiste con cupolino fumé, frecce a led, porta targa sportivo in Ergal 7075 ricavato dal pieno, scarico SC-Project SC1-R in Carbonio/Titanio, copri sellino monoposto

L’elemento più caratterizzante è il magnifico silenziatore racing SC1-R in carbonio oppure in titanio, secondo le versioni. Questo grintoso terminale omologato è stato progettato dall’italiana SC-Project sulla base dell’esperienza maturata nelle competizioni ai massimi livelli e presenta un grado di finitura eccezionale.

Porta targa SC-Project in Ergal, una lega di alluminio 7075 che vanta caratteristiche meccaniche e di leggerezza impareggiabili

Frecce SC-Project a LED, che con le loro dimensioni contenute contribuiscono a dare slancio alla sagoma della GSX-S750. Coprisella passeggero.

Dal catalogo degli accessori originali Suzuki arriva invece il guscio coprisella che riveste la porzione di seduta riservata all’eventuale passeggero, trasformando la GSX-S750  in una racer monoposto. Questo tocco sportivo dona carattere al codino, conferendogli una forma più aerodinamica ed elaborata.

Cupolino fumé

Un ulteriore accessorio Suzuki presente nel kit YUGEN CARBON è il cupolino in plexiglas fumé. Questo deflettore completa il ponte di comando, incorniciando la bella strumentazione digitale LCD. La sua forma devia il flusso d’aria dal busto del pilota, rendendo più confortevoli e meno affaticanti gli spostamenti in autostrada e la guida sportiva.

Forme scolpite

Tutti questi componenti fanno sì che la GSX-S750 YUGEN sia una moto che dà soddisfazione possedere e ammirare, prima ancora di saltare in sella e di apprezzarne le fantastiche qualità dinamiche. Da questo punto di vista la GSX-S750 rappresenta la degna erede della gloriosa stirpe delle Suzuki GSX, che sin dell’inizio degli Anni 80

L’Easy Start System, che mette in moto il motore con una breve pressione del pulsante di avviamento, e il  Low RPM Assist, sono due nuovi sistemi introdotti su questo modello, forti dell’esperienza maturata negli anni che permette accensioni veloci e regolazione automatica del regime del motore, fino  allo stacco della frizione e nella marcia al minimo.

La presenza di questi due sistemi è un esempio tangibile del lavoro fatto dai tecnici di Hamamatsu per adattare a un impiego stradale il motore più titolato della categoria. Il quattro cilindri della GSX-S deriva infatti direttamente da quello della leggendaria GSX-R750, che si è guadagnata sulle piste il ruolo di icona del mondo delle supersportive. In questa configurazione la potenza massima è di 114 cv a 10.500 giri, che passano ad essere 118,5  CV, grazie allo scarico SC-Project. Il picco di coppia invece, si assesta a 81 Nm a 9.000 giri. Entrambi i valori sono superiori a quelli fatti registrare da diverse rivali anche di cilindrata più elevata.

Oltre che per le sue prestazioni assolute, questa unità si fa apprezzare anche per la grande efficienza. Grazie a iniettori di ultima generazione a 10 fori e a una serie di finestrature nel basamento che limitano le perdite per pompaggio, questo quattro cilindri ottiene una percorrenza media di 20,4 km/l nel ciclo WMTC e le sue emissioni rientrano agevolmente nei limiti di omologazione Euro 4.

Feeling immediato

Il motore della GSX-S750 ha il blocco cilindri piuttosto verticale e questa conformazione ha consentito ai tecnici di Hamamatsu di disegnargli attorno un telaio perimetrale agile e compatto. Le sue caratteristiche e le sue quote gli permettono di abbinare la stabilità e la precisione di una ciclistica racing alla docilità e alla maneggevolezza indispensabili nell’uso quotidiano. Tutto ciò si traduce in una guidabilità da riferimento, in un feeling diretto con l’avantreno e nella impagabile sensazione per il pilota di avere sempre tutto sotto controllo, a qualunque andatura e in qualsiasi situazione.

In questo senso un contributo fondamentale viene dalle raffinate sospensioni Kayaba. Il monoammortizzatore è regolabile nel precarico, come pure la forcella a steli rovesciati da 41 mm. L’impianto frenante conta invece soprattutto su due potenti pinze freno Nissin ad attacco radiale, che lavorano dischi flottanti a margherita da 310 mm. Per scongiurare il rischio di bloccaggi la GSX-S750 monta di serie l’ABS, la cui ruota fonica è fornisce dati utili anche alla centralina che gestisce il controllo elettronico della trazione. Quest’ultimo è uno tra i sistemi più evoluti nel suo genere e può essere impostato in tre diverse modalità oppure disattivato. Chi guida ha pertanto sempre la possibilità di decidere se e come fare intervenire l’elettronica per contrastare gli eventuali slittamenti della ruota posteriore, a tutto vantaggio della tranquillità nell’uso dell’acceleratore anche sulle insidiose superfici a bassa aderenza.

Colori e Listino

Le versioni GSX-S750 YUGEN CARBON e TITANIUM si differenziano dalla versione standard di soli 300 Euro. È un importo che si può definire quasi simbolico per un pacchetto di accessori di prim’ordine che garantisce un vantaggio cliente di circa 1.000 Euro.

La versione YUGEN CARBON è disponibile su tutte le quattro colorazioni presenti nella gamma Suzuki come anche la versione TITANIUM. Agli amanti delle corse è dedicata la variante Blu MotoGP, con la livrea del team ufficiale ECSTAR che simboleggia anche l’impegno di Hamamatsu nel mondo dello sport in genere. I più attenti alle mode potrebbero puntare invece sul bianco, che si è aggiunto quest’anno al catalogo GSX-S750, mentre la continuità è rappresentata dalla versione bicolore Nero/Blu, presente in gamma sin dall’epoca lancio. Queste tre opzioni sono accomunate dal prezzo di 9.190 Euro franco concessionario, mentre la richiesta sale a 9.290 Euro f.c. per la misteriosa e aggressiva colorazione opaca Nero Mat.

Per chi poi volesse personalizzare ulteriormente le GSX-S750 YUGEN CARBON e TITANIUM, c’è sempre a disposizione un ampio assortimento di altri accessori originali, che spaziano da dettagli in carbonio da abbinare allo scarico a molte tipologie di borse, passando per protezioni varie.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: