Peugeot e-208 arriverà nel 2020

 

Sebbene alla sua commercializzazione  manchi ancora parecchio, relativamente alla nuova 208 elettrica si sono diffuse  tante notizie. L’auto nasce su un pianale (CMP) che prevede questa tipologia di trazione e di immagazzinamento di energia. Siamo a conoscenza di dati quali: potenza, autonomia, e molto altro…

340 km: questa è l’autonomia della nuova Peugeot e-208 sul ciclo WLTP . Nelle stesse condizioni, promette 40 km in più rispetto alla sua connazionale che è anche la  principale rivale, la Renault Zoe, tutti dati che andranno poi verificati dalle Autorità competenti che ne rilasciano la certificazioni e dalle successive prove su strada, nelle differenti variabili.

.IL motore promette una potenza pari a 136 CV che corrisponde a 100 kW, con una coppia di 260 Nm, e a differenza dei motori a combustione, la disponibilità è immediata e costante.

La ricarica avviene attraverso le pese convenzionali e per una ricarica completa occorrono circa 16 ore , a meno che non si decida di investire in un  wallbox a casa che consente la ricarica in sole  5 ore 15 a 11 kW e  8 ore, a 7,4 kW.

Scatto da primato

Come accennato, la Coppia è disponibile sin da subito permette uno scatto da fermo 0/100 in 8,0 secondi (in modalità Sport). Un tempo molto simile a berline con motorizzazioni 2.0 diesel, (tipo la  308 2.0 BlueHdi 180 GT – tanto per rimanere in casa) .

Le batterie,  agli ioni di litio ha una capacità pari a  50 kWh. Hanno una garanzia di 8 anni o 160.000 km. E’ prevista una ulteriore estensione di garanzia in caso di una  eventuale necessaria sostituzione completa, ma solo qualora l’efficienza degli accumulatori diminuisse di oltre il 30% durante questo periodo.  Tale buon proposito vanno annoverate tra le garanzie richieste da molti consumatori. Altro discorso invece riguarderà le generazioni a venire, per quanto concerne lo smaltimento delle batterie e/o il loro riciclo.

Il  Bagagliaio non ha risentito delle batterie . La sua capacità è infatti rimasta immutata rispetto alle versioni con propulsore termico. 310 dm3. Ciò grazie all’utilizzo di  batterie inserite sotto il pavimento. Solo la nuova  Renault Clio Hybrid riesce a fare meglio con un volume di carico leggermente maggiore – (391 dm3) ma vanno considerate anche le misure generali superiori.

 Il prezzo si dovrebbe aggirare intorno ai 35/39.000 Euro, salvo poi gli incentivi previsti per i veicoli di questo genere. Sicuramente saranno inizialmente le società che usufruiranno dei Bonus e gli Enti Pubblici (auspicabile) a riconoscerne i meriti e adottarla per gli spostamenti urbani.

La presentazione di questa versione è avvenuta a Ginevra a marzo 2019. Ancora però non si sa con precisione quando verrà commercializzata. Si pensa nel mese di settembre, o addirittura a Gennaio 2020. Non ci resta che attendere.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: