Ieri su Rai Uno la prima serata degli Wind Music Awards 2018: Baglioni, Ghali e Sfera Ebbasta i più premiati

Come annunciato nel seguente articolo ieri sera dalle 20:30 Rai Uno ha trasmesso in differita la prima delle due serate degli Wind Music Awards, registrata all’Arena di Verona lunedì sera. Tanta musica di tutti i generi e per tutte le età, un’Arena di Verona strapiena e tanti premi e riconoscimenti di ogni tipo. Ma spieghiamo nel dettaglio come è andata la serata.

Si inizia, come ogni anno, con la fase “Anteprima” che copre la prima mezz’ora di trasmissione (dalle 20:30 alle 21:00). Il primo a salire sul palco è Zucchero, ormai di casa all’Arena di Verona, che si esibisce in uno dei suoi classici, ossia “Dune mosse” (tratta dall’album da 2 milioni di copie “Blue’s” del 1987). Il bluesman reggiano ha ricevuto un premio per il disco d’oro della sua raccolta di successi “Wanted” e uno per il successo dei suoi live tra 2017 e 2018 e ha annunciato di aver toccato il tetto dei 90.000 biglietti venduti per il suo concerto all’Hyde Park. Se ad aprire è stato un veterano, il secondo in scaletta è il più giovane tra gli artisti premiati, ovvero l’appena diciottenne Thomas, proveniente dall’edizione 2017 di Amici, premiato per le vendite del suo EP d’esordio “Oggi più che mai”. Tocca poi al duetto fra il vincitore della categoria Big dell’edizione 2018 di Sanremo Fabrizio Moro e il vincitore della categoria Giovani della stessa edizione Ultimo con “L’eternità (Il mio quartiere)”.

Ad essere premiato è Moro (che ha anche pubblicizzato il suo concerto allo Stadio Olimpico di Roma previsto per il 16 Giugno) per il disco d’oro della sua raccolta “Parole, rumori e anni”, mentre Ultimo viene reinvitato a salire sul palco più tardi nel corso della serata. Arriva il momento di Guè Pequeno, che si esibisce in un medley composto da “Lamborghini” (brano del suo album Gentleman del 2017, premiato per il doppio disco di platino ottenuto) in cui ha duettato con l’ereditiera Elettra Lamborghini e il nuovo singolo “Lungomare latino”. L’ex Club Dogo riceve la certificazione multiplatino anche proprio per il singolo “Lamborghini” (nella sua versione studio registrato in collaborazione con Sfera Ebbasta) e per “Milionario”, hit dell’estate 2017. Chiudono l’anteprima gli idoli delle ragazzine Benji & Fede con il loro ultimo singolo “Moscow mule”: il duo modenese riceve un premio per i live (e, a proposito di live, nel corso della serata hanno annunciato due date nei palasport previste a novembre) e uno per le vendite del loro album pubblicato a marzo dal titolo “Siamo solo noise” (disco di platino).

Alle 21:00 comincia la fase principale dello show con Laura Pausini che presenta il suo singolo estivo “E.STA.A.TE”. Subito dopo, è il turno della coppia dei record J-Ax e Fedez, reduci dal sold out allo Stadio San Siro di Milano dove 79.000 persone hanno assistito al concerto conclusivo del loro progetto in coppia, che si esibiscono nel già tormentone di questa estate 2018 “Italiana”. I due vengono inoltre premiati con il platino per il singolo “Sconosciuti da una vita”. Si passa al pop romantico dei Thegiornalisti con il loro ultimo singolo “Questa nostra stupida canzone d’amore”, primo estratto dall’album “Love” in uscita a settembre (il 13 giugno uscirà il secondo estratto dal titolo “Felicità puttana”). Tommaso Paradiso e compagni vengono premiati per il disco di platino ottenuto dal tormentone dell’estate 2017 “Riccione”.

Momento nostalgia con Cristina D’Avena, regina delle sigle dei cartoni italiane, con un medley delle sue sigle più famose da “Mila e Shiro” a “I Puffi sanno” che ha fatto cantare tutta l’Arena, dai più grandi ai più piccini. Il suo disco di duetti “Duets – Tutti cantano Cristina”, progetto in cui ha coinvolto diverse stelle della musica italiana che con lei hanno duettato nelle sue sigle più celebri riarrangiate, viene premiato per le 50.000 copie vendute (platino). Torna sul palco Fabrizio Moro, ma stavolta per duettare insieme ad Ermal Meta nel brano con cui insieme hanno vinto l’ultimo Festival di Sanremo e si sono classificati quinti all’Eurovision Song Contest, ossia “Non mi avete fatto niente”. Stavolta ad essere premiato è Ermal Meta per il disco d’oro del suo ultimo album “Non abbiamo armi”. E, parlando di Sanremo, dopo i MetaMoro arrivano altri due protagonisti dell’ultimo Festival: prima Claudio Baglioni, direttore artistico e conduttore dell’ultima trionfale edizione della kermesse (che ha eseguito il suo brano del 1995 “Io sono qui” e ha ottenuto ben sette riconoscimenti, tra cui quello per le vendite della compilation dell’edizione di Sanremo 2018 e il premio Arena di Verona per i 50 anni di carriera) e poi Lo Stato Sociale, gruppo classificatosi secondo al Festival ma che ha tirato fuori il brano di maggior successo dell’edizione a livello di passaggi radiofonici e di vendite, ossia “Una vita in vacanza” (premiato con il disco di platino) eseguito in medley con il nuovo singolo “Facile”. Seguono Emma con “Mi parli piano” (oro per l’album “Essere qui”) e l’ospite internazionale Rita Ora con il suo nuovo singolo “Girls” (platino per il suo singolo della scorsa estate “Your Song”, scelto in Italia come colonna sonora della campagna pubblicitaria di un noto marchio di abbigliamento intimo).

La Pausini apre anche la seconda parte dello show con ben due brani, entrambi tratti dall’album (premiato per il disco di platino) “Fatti sentire” ossia “Non è detto” e “Frasi a metà”. La cantante romagnola riceve anche altri due premi: uno per i live e uno speciale conferitole da Assomusica (Associazione tra i Produttori e gli Organizzatori di Spettacoli di musica dal vivo in Italia) per essere la prima donna italiana a esibirsi live in uno dei templi della musica live in Italia, ossia il Circo Massimo di Roma. Entra nell’Arena accompagnato da una carrozza e accolto da applausi e cori Sfera Ebbasta, rivelazione del trap italiano, che risulta essere insieme a Ghali il secondo artista più premiato della serata dopo Baglioni (ben cinque premi: triplo disco di platino per l’album “Rockstar”, quadruplo disco di platino per il singolo “Tran Tran”, doppio disco di platino per i singoli “Cupido” e “Rockstar” e il premio speciale “Digital” per l’artista ad aver ottenuto più vendite in formato digitale tra maggio 2017 e maggio 2018). Segue un altro big della musica italiana, ossia Biagio Antonacci, con i singoli “In mezzo al mondo” e “Mio fratello”, entrambi tratti dall’album disco di platino “Dediche e manie”. Il cantautore milanese riceve anche un premio per il successo del tour 2018 che ha registrato il sold out in quasi tutti i palazzetti italiani e un premio speciale conferito dalla SIAE. Chiudono Francesco Gabbani con una versione acustica del tormentone estivo 2017 “Tra le granite e le granate” (premiato con il disco di platino, così come l’album di appartenenza Magellano), il già citato Ghali con “Cara Italia” (singolo multiplatino, così come “Habibi”, “Happy Days” e “Ninna nanna”, tutti appartenenti al suo disco “Album”, certificato triplo platino), Levante con “Non me ne frega niente” (premio per i live), Takagi & Ketra con Giusy Ferreri che hanno presentato il loro nuovo singolo “Amore e capoeira” (i due produttori sono stati premiati per il triplo platino de “L’esercito del selfie”, brano della scorsa estate a cui Arisa e Lorenzo Fragola hanno prestato la voce), il vincitore delle Nuove Proposte di Sanremo 2018 Ultimo con il suo nuovo singolo “Poesia senza veli” (disco d’oro per l’album “Peter Pan”) e il rapper Madman con un medley dei suoi pezzi “Storie” e “Centro” (oro per l’album “Back home”). Dopo che Carlo Conti e Vanessa Incontrada, i due conduttori della serata, hanno elencato alcuni artisti ai quali era destinato almeno un premio ma che non hanno presenziato alla serata (tra cui Vasco Rossi, Zucchero e Renato Zero), arriva il momento della sigla finale, il brano del 2016 di Zucchero “Voci” cantato live durante un suo concerto all’Arena di Verona.

A livello di ascolti, la cerimonia WMA ha vinto la serata televisiva di ieri con più di 4 milioni di telespettatori incollati al televisore con il 19,5% di share (dati Auditel), seppur con un indice di ascolto in calo rispetto all’edizione 2017 (che totalizzò invece 5 milioni), probabilmente causa concorrenza con il film “Pelé” dedicato alla leggenda brasiliana del calcio trasmesso da Canale 5. Martedì 12 Giugno sempre dalle 20:30 su Rai Uno sarà trasmessa la seconda serata degli Wind Music Awards, registrata ieri sera sempre all’Arena di Verona, che vedrà tra i suoi partecipanti Giorgia, Gianna Nannini, Elisa, i Negramaro e il trio Pezzali-Nek-Renga.

 

Share

Commenti

commenti