Tutto, ma proprio tutto sui bastoncini #Findus: storia, curiosità e composizione

Ricordo i bastoncini Findus già da quando ero piccola, identificandoli con il capitano dalla barba bianca e le avventure in mezzo al mare che li accompagnavano in televisione. Inizialmente nella mia famiglia i surgelati non erano proprio ben visti fino poi a farsi spazio nelle ricette di tutti i giorni alternandosi ai prodotti di stagione e agli alimenti freschi. I tanto amati bastoncini, negli anni sono poi diventati un piatto divertente e buono per i più piccoli, ma anche gustosi per i grandi. Si tratta di un vero e proprio prodotto iconico che ci ha accompagnato da generazioni, così come anche nelle pubblicità di sempre e  consumati da 10 milioni* di famiglie, ma siamo sicuri di saperne tutto? La nuova campagna Findus, “Ingredienti Semplici, Gusto Inimitabile”, online su www.capitanfindus.it, punta a raccontare ai consumatori, in modo chiaro ed esaustivo, tutta la semplicità ed il gusto dei Bastoncini con un nuovo Capitano che parla italiano.

Cominciamo con un po’ di storia

Correva l’anno 1 967. A Londra entra in funzione il primo Bancomat, l’Unione Sovietica manda la prima sonda su Venere, esce il primo album dei Doors e…  In Italia vengono prodotti per la prima volta i Bastoncini Findus. Prodotto “mito” per intere generazioni, oggi sulle tavole di 10 milioni*di famiglie, capace di conquistare le mamme (e i bambini) degli anni ’70 così come quelle dei decenni successivi. In comunicazione sono legati alla figura di Capitan Findus, eroico personaggio che, nelle mille avventure tra i mari a bordo del suo veliero, da sempre condivide la stessa passione per le cose buone, semplici e dal gusto genuino, per crescere i “Capitani di domani”.

Ma se è vero che i bastoncini sono un prodotto iconico, quanto ne sappiamo? Findus – azienda leader nel settore surgelati – lancia una nuova campagna, “Ingredienti Semplici, Gusto Inimitabile”per raccontare la semplicità degli ingredienti di uno dei suoi prodotti più amati. Una campagna per rispondere alle domande dei consumatori di oggi, sempre più attenti alla qualità delle materie prime utilizzate ed alla semplicità degli ingredienti. Come emerge da recenti dati Gfk/Iri** il 66% degli italiani che si occupano della spesa in famiglia – oltre 16 milioni – presta molta attenzione all’etichetta, il 63% evita i prodotti contenenti conservanti e il 64% cerca di seguire una dieta bilanciata. I surgelati continuano ad essere scelti nella dieta degli italiani, tanto che l’intero comparto nell’ultimo anno ha registrato una crescita del +2,9%, e l’ittico del +4%. ***

La campagna “Ingredienti Semplici, Gusto Inimitabile”racconterà tutta la semplicità dei prodotti Findus, ancora una volta tramite la figura di Capitan Findus, che da oltre 50 anni, attraverso mille avventure,diffonde, i principi di un alimentazione semplice ed i valori del rispetto dell’ambiente e della tutela degli oceani. Il Capitano infatti è un vero e proprio maestro di vita per i più piccoli, oltre ad essere un punto di riferimento in fatto di gusto e qualità per i genitori. In questa campagna, indossa le vesti del Capitano un attore italiano, Riccardo Acerbi.

Vediamo adesso 5 curiosità sui celebri Bastoncini.

#1 I PRIMI BASTONCINI ARRIVANO DALL’INGHILTERRA  

La nascita dei bastoncini di pesce in Inghilterra sembra risalire al settembre 1955 per merito di Clarence Birdseye, considerato il fondatore dell’industria del cibo surgelato. Clarence Birdseye inizialmente avvia la produzione di due prototipi di bastoncini di pesce, uno con le aringhe nella zona delSouth Wales, e l’altro con il merluzzo, nella zona del Southampton. I consumatori bocciano i bastoncini all’aringa, dal gusto troppo deciso e difficili da sfilettare ma accolgono con entusiasmo il merluzzo, bianco, invitante e dal sapore delicato. Ecco che i primi bastoncini di pesce, i celebri “fish fingers”, fanno il loro ingresso nel mercato inglese. La rivoluzione dei Bastoncini parte proprio dall’innovativo modo di consumare un prodotto di pesce, una modalità mai vista prima che permette ai bambini di riscoprire il gusto del pesce e che conquista le mamme, grazie alla sua estrema praticità descritta perfettamente dallo storico slogan ‘senza spine, senza sprechi, senza cattivi odori, senza sforzo”. I Bastoncini sono un successo senza precedenti e nel loro primo anno di produzione ne vengono consumati circa 600 tonnellate.

#2 DAL 1967 VENGONO PRODOTTI IN ITALIA, NEL LAZIO

I bastoncini sulle nostre tavole arrivano dallo stabilimento di Cisterna di Latina, nel Lazio, inaugurato nel 1964. Il mercato dei surgelati è agli albori e lo stabilimento Findus, grazie all’avanzata tecnologia (20 linee di lavorazione), l’alta produttività, la scrupolosa osservanza delle norme ambientali e igienico-sanitarie e l’elevata professionalità dei collaboratori posizionano la struttura tra le prime in Europa. Tre anni più tardi, nel 1967, inizia la produzione dei bastoncini di pesceche hanno, da subito, uno straordinario successo. A raccontare i prodotti, fin dal loro esordio sul mercato, il celebre Capitan Findus. Oggi dalla fabbrica di Cisterna vengono prodotti ogni anno 355 milioni di bastoncini di pesce Findus.

#3 SOLO INGREDIENTI NATURALI: PESCE E PANGRATTATO

Come sono fatti i celebri Bastoncini di merluzzo? Sono 100% filetti di merluzzo, avvolti da pangrattato croccante, fatto con farina di frumento, fecola di patate, lievito naturale, un pizzico di curcuma e paprica. Non c’è traccia di conservanti nella ricetta.

#4 PESCE SURGELATO A POCHE ORE DALLA PESCA

I filetti di merluzzo presenti nei bastoncinivengono sfilettati ancora freschi e surgelati a bordo delle navi dove vengono pescati, per garantire la massima qualità. Il processo di surgelazione porta un alimento, in pochi minuti, a temperature bassissime (mai superiori ai -18 °C, ma si possono raggiungere picchi fino a -80 °C) e consente dimantenere le stesse caratteristiche nutrizionali del pesce fresco. 

#5 BASTONCINI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DEGLI OCEANI

Il pesce contenuto nei bastoncini proviene da pesca sostenibile, certificata MSC(Marine Stewardship Council), la più importante organizzazione al mondo in tema di pesca sostenibile. Il marchio blu, presente sulle confezioni di bastoncini, indica che i prodotti derivano da pesca certificata in modo indipendente, su base scientifica, seguendo lo standard MSC per la sostenibilità ambientale e sono tracciabili e riconducibili a un approvvigionamento sostenibile.  La pesca sostenibile e certificata MSC si fonda su tre principi: la pesca deve lasciare in mare abbastanza pesci per permettere loro di riprodursi così che l’attività di pesca possa proseguire nel tempo; deve essere effettuata in modo da minimizzare il suo impatto, consentendo alla flora e alla fauna marina di prosperare e, infine, deve essere gestita dalle aziende in modo responsabile e nel rispetto delle leggi vigenti.

*Fonte GFK YE novembre 2017

** Indagine Food&Beverage GFK, campione 2000 RA

*** Dati riferiti ai primi 8 mesi del 2017, fonte IIAS (Istituto Italiano Alimenti Surgelati)

 

Scopri di più su www.findus.it

 

Share

Commenti

commenti