Mode e desideri del vacanziero moderno in viaggio e a tavola… w la birra!

Chi è il vacanziero del 2017 per eccellenza? Di sicuro chi si organizza la vacanza per conto proprio, svincolandosi da agenzie di viaggio e tour organizzati. A tavola si torna a scegliere i cibi genuini con una buona birra ad accompagnare i pasti. Basti pensare che per 1 italiano su 2 è proprio la birra la bevanda scelta meno di routine. Questi i risultati più eclatanti dell’indagine Doxa/Ichnusa che ha scattato una fotografia sulle preferenze degli italiani in fatto di viaggi e vacanze.

Interessante vedere come location in voga e mente di tendenza non rientrino tra le modalità di scelta per le proprie vacanze: l’italiano sceglie infatti in base ai propri interessi e le proprie passioni, prediligendo la cultura e la storia dei luoghi da visitare e soprattutto lasciandosi cullare della cucina locale.

Prediligono sentieri poco battuti, tanto che per oltre 32 milioni (73%) la meta ideale è inesplorata e fuori dai soliti itinerari, magari poco nota, ma proprio per questo meritevole di una visita e capace di emozionare. Anche in fatto di cibo si tende a snobbare ultime tendenze, piatti sofisticati e cucina fusion: l’86% degli italiani predilige cibi genuini e tipici di un territorio.

Questi alcuni dati emersi dalla ricerca Doxa/Ichnusa “Gli italiani e la routine. Fuori dalle rotte per ritrovare se stessi”, commissionata dallo storico brand di birra sardo, e realizzata su un campione rappresentativo di 1000 persone.

Siamo affascinati – spiega Alfredo Pratolongo, Dir. Comunicazione e Affari Istituzionali HEINEKEN Italia   dai risultati di questa ricerca. Ichnusa è un prodotto non omologato, fuori dalle rotte, che le mode non hanno contaminato negli anni e che arriva dal cuore della Sardegna più vera, rivendicando orgogliosamente le proprie origini.  Ci ha fatto molto piacere scoprire che gli italiani, di tutte le età e provenienze geografiche, in fatto di viaggi e cibo condividano i nostri valori.”

TRA STORIA, CULTURA, NATURA E CUCINA: COME SI SCEGLIE LA META DEL CUORE

Desiderosi di lasciarsi alle spalle metropoli e monotonia, gli italiani come scelgono la meta del cuore? Il 94% parte spinto dal desiderio di conoscere ed esplorare un luogo, incuriosito da cultura e tradizioni. Viene considerato molto rilevante il contatto con la natura: per l’84% degli italiani avere la possibilità di immergersi in luoghi incontaminati diventa un elemento prioritario nella scelta delle proprie vacanze. Conta molto anche la cucina: una forte cultura gastronomica è un aspetto rilevante per il 73%. Hanno meno peso altri aspetti, come andare in una meta famosa (64%), fare sport (42%) o trascorrere le vacanze in un posto alla moda (28%).

IL VIAGGIO PERFETTO PER 6 ITALIANI SU 10 SI ORGANIZZA IN AUTONOMIA

Per il 58% degli italiani il viaggio dei sogni si sceglie e si programma in autonomia. Un momento in cui rallentare e prendersi il proprio tempo per scoprire la vera anima di un luogo. Con grande distacco c’è un 18% di viaggiatori (soprattutto giovani, under 25) adrenalinici, che amano l’avventura e l’improvvisazione e desiderano vivere esperienze fuori dall’ordinario. In minoranza i viaggiatori “mordi e fuggi” (16%): sono quelli che preferiscono un viaggio organizzato in cui visitare tanti luoghi in poco tempo, con spostamenti veloci e razionali (soprattutto over 65). Solo un 4%, infine, ricerca il lusso e dà importanza all’esclusività della location e al fatto che sia alla moda.

RITORNO ALLE ORIGINI: A TAVOLA TUTTE LE GENERAZIONI RISCOPRONO LA GENUINITÀ

Nei cuori degli italiani sembrano perdere quota cucina fusion, chef stellati e innovazione, a vantaggio dell’autenticità. Ecco allora che per oltre 8 italiani su 10 (86%), di qualsiasi età e provenienza geografica, vale di più, a tavola, la ricerca di cibi genuini, tipici di un certo territorio. Molto meno rilevanti altri aspetti, come la ricerca di nuovi ingredienti e abbinamenti insoliti (22%), le novità (22%) o le tecniche di cottura alternative (18%). Con qualche significativa differenza in base all’età: se l’autenticità sembra infatti mettere d’accordo nonni e nipoti, gli under 25 sono molto più attratti dalle ultime tendenze (38%) e dall’innovazione (30%).

 I PIATTI I MIGLIORI?  PER 8 ITALIANI SU 10 SONO QUELLI CHE SORPRENDONO E RACCONTANO UNA STORIA

Andando a scoprire quali sono i piatti considerati più interessanti, vediamo che ai primi posti ci sono quelli magari imperfetti al primo assaggio ma capaci di sorprendere (83%). Sono quei piatti in grado di raccontare una storia, preparati da secoli nello stesso modo, senza contaminazioni e compromessi (83%). Ma la predilezione per una cucina “eroica”,capace di emozionare con pochi semplici ingredienti, porta anche alla scoperta e alla ricerca di ristoranti e osterie che “valgono il viaggio”, per la loro genuinità e originalità, anche se fuori dagli itinerari classici (79%). I fast food vengono promossi dal 41% come soluzione comoda in viaggio, mentre solo il 28% dichiara di scegliere sulla base della notorietà dello chef e delle segnalazioni sulle guide.

BIRRA, BEVANDA “SPEZZA” ROUTINE (PIÙ DEL AL VINO) PER 1 ITALIANO SU 2

È la bevanda regina dell’estate ed è giudicata, per 1 italiano su 2, anche quella fuori dall’ordinario per eccellenza.  Con il 49% delle preferenze, la birra viene considerata molto “meno di routine” rispetto al vino (34%), e alle altre bevande alcoliche e analcoliche (17%).  Quali caratteristiche deve avere una birra per andare incontro ai gusti degli italiani? Le birre più amate sono quelle dal gusto originale e distintivo, non omologato. Quelle birre capaci di emozionare, con un’anima e una storia, ancor più se legate a un territorio di riferimento: valore più importante (40%), strano a dirsi, dell’essere artigianali (21%). Molto apprezzate le birre leggere e dal gusto fruttato (38% delle preferenze) rispetto a quelle complesse e strutturate (preferite dal 15%).

 

LA VERA SARDEGNA? SI SCOPRE BEVENDO UN’ICHNUSA SOTTO UN ALBERO IN RIVA AL MARE

Che sia una delle mete preferite dagli italiani è risaputo, tanto che 1 italiano su 2 (in un momento o nell’altro della sua vita) ha trascorso le sue vacanze in questa regione. Sorprende invece scoprire quali sono le esperienze preferite da chi ama la Sardegna, quelle ritenute più coerenti con questa terra “fuori dalle rotte”: niente locali vip o spiagge modaiole, ai primi posti si posizionano infatti tre attività davvero “unconventional”: mangiare in un vero agriturismo dell’entroterra (73%),  scoprire la cultura di un passato lontano, tra nuraghi e rovine fenicie o romane (67%), e bere un  bicchiere di birra locale, Ichnusa (che gli italiani conoscono e amano, tanto che viene indicata da 9 su 10 come “la” birra di Sardegna), sotto un albero in riva al mare (44%).  A seguire escursioni in luoghi insoliti (41%), trekking nell’Ogliastra (39%) e avventure nella Barbagia più autentica (37%).

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: