Il buon cibo non mente, la cucina Flexitariana

Qualche giorno fa passando in una delle vie di Roma ho letto sulle vetrine di un locale molto fashion “Cucina Flexitariana”!

Si, si, certo direte: «ma è dal 2017 che si vocifera di questa cucina!» io però non ne avevo mai sentito parlare. Passati i primi due minuti pensando a quale tipo di cucina potesse ispirarsi e pensando che fosse sicuramente una “nuova moda”, la mia gastro-curiosità mi ha spinto a sbirciare tra i vari siti proposti da Google per capire cosa fosse o da che paese potesse essere ispirata la cucina Flexitariana. Ho iniziato ad indagare.

Si parla di genialità nell’accostare sapori tanto diversi per la creazione di piatti gustosi e non avendo mai assaggiato un piatto flexitariano sono l’ultima che può mettere in dubbio le ottime recensioni, ma è pur vero che ho già sentito parlare di piatti che uniscono vari ingredienti discordanti tra loro (soprattutto con condimenti alla frutta esotica o mirtilli, frutti di bosco); non si mette in dubbio la presentazione, oserei dire “artistica”, di alcuni piatti che sembrano ricordare una tela di Monet, ricchi di colore e forme particolari. Ma la cosa che mi ha stuzzicato di più è che non solo sembrerebbe che la dieta Flexitariana apporti il giusto equilibrio nutrizionale del pasto, ma che sia anche ottima per la prova costume.

Capirete, amante del cibo e, già detto, gastro-curiosa sono andata più a fondo. Cos’è la cucina Flexitariana, che cibi si usano nelle ricette? Continuo a curiosare e trovo: “Cucina sana e tanto gustosa… che trae dallo stile vegetariano e vegano, ma senza essere così estremista… punta sulla qualità dei prodotti…” Ok, ma cosa mangio se decido di provare un piatto flexitariano? A parte l’intera gamma delle verdure nostrane si posso trovare mozzarella, carne (e non solo bianca), pesce, fritti (ma senza scaldare troppo l’olio che fa male!), formaggi come il parmigiano, riso, per non parlare della pasta che io adoro, olio extravergine di oliva, insomma chi più ne ha più ne metta ad un unico patto: non bisogna esagerare a tavola! E allora ho pensato che se evito di mettere il mango nel “riso con seppioline” potremmo utilizzare per la prova costume la meravigliosa dieta mediterranea… senza esagerare a tavola!!!

Saber

Share

Commenti

commenti