Vivere in Luxury Hotel…

Breakfast in a bedroom at Hotel Vilòn in Rome

Vivere in un grande albergo… Coco Chanel visse al Ritz per 34 anni, arredando personalmente la sua suite, (potete immaginare l’ eleganza). Anche Hemingway prediligeva il Ritz e Chuck Palahniuk definiva l’ hotel come una grande casa dove molta gente viveva, mangiava, dormiva, ma nessuno conosceva l’altro! Quale il fascino di considerare un ambiente così familiare da farlo diventare la propria dimora? Il posto in cui rifugiarsi dopo una lunga giornata, un lungo respiro nell’entrare in camera, le luci si accendono come su un palcoscenico e il frigo bar sempre pieno e ordinato..
Ci sono alcuni hotel che ti fanno sentire accolti, confortati, sia che si resti una notte, che per un lungo periodo. Saranno le luci, gli asciugamani piegati ordinatamente in bagno,l’arredamento curato nei minimi particolari, l’attenzione ai dettagli e il personale (seppur turnante) così gentile…che si è già pronti a spostare l’ indirizzo di residenza sui documenti.

Set table for breakfast in the terrace of a bedroom at Hotel Vilòn in Rome

Uno di questi Hotel confortevoli è il Vilòn in via dell’Arancio a Roma. Il Rione è quello di Campo Marzio, pieno centro città, dove non si fa fatica ad affezionarsi. La Roma quella bella, quella che i turisti ci rubano ad ogni scatto per impreziosire i social e i loro racconti. Quella Roma che a noi a volte sta stretta, ma se solo ci soffermassimo meglio a osservare le stradine del centro, la pavimentazione sconnessa, ma unica, vedremo la magia di cui tanto si parla. Camminando lentamente potremmo passare davanti alla porta del Vilon è tirare dritto,perché discreta, quasi timida, ma vi consiglio di guardare bene il civico ed entrare. Proprio lì , varcare il portone, la tenda che vi condurrà all’interno . Infatti Vilòn è una parola ebraica che significa proprio velo, tenda e nella Kabala si trovano alcuni riferimenti che indicano come Vilòn il passaggio obbligato nella vita di ognuno, un passaggio dove è possibile andare oltre, per migliorare, incontrare il nuovo e pensando a questo significato viene ancora più voglia di varcare quella soglia in Via dell’Arancio n. 69.
Appena entrati il profumo di fragranze e fiori freschi inizierà il piacevole benvenuto , il Vilòn è un Luxury Hotel, ma l’atmosfera confortevole e charmant si mescola al fascino di elegante quotidianità che fa sentire subito il viaggiatore o il semplice ospite per una sera, come se fosse nel suo salotto.
LA STORIA
Il Vilòn nasce da un’ ala di Palazzo Borghese, detta “Casa” diviene nel 1841 per volere della Principessa Adelaide Borghese de la Roche Foucauld, moglie del Principe Scipione Borghese, la Prima Scuola per Fanciulle Povere, dove le monache francesi Figlie della Croce, erano dedite alla educazione di quelle bambine meno fortunate, che si sarebbero distinte nella società imparando, modi, atti e comportamenti di elegante rappresentanza.

Set tables for dinner in the patio of Hotel Vilòn in Rome

L’ HOTEL
L’aria aristocratica ed elegante si respira ancora, ma con un tocco di modernità ed avanguardia, dopo i tre anni di restauro degli interni. Le finestre delle camere e suite private del secondo piano affacciano nello splendido cortile di Palazzo Borghese, circondato da colonne e statue. Godere di quella vista dalla propria camera come se fosse per ogni ospite il proprio giardino segreto.
Per gli interni delle stanze un tocco scenografico di quinte e arredi ricercati come se fosse un palcoscenico, infatti l’estro creativo di Paolo Confini scenografo cinematografico e designer romano, firma gli interni e si orienta in una scelta di combinazioni armoniose fra oggetti e materiali Deco. Marmi pregiati, legno caldo e accessori rendono ogni stanza come se fosse vissuta giorno per giorno con cura e amore.
E con la minuziosa attenzione con cui si scelgono i quadri, a volte ultimo complemento d’arredo, qui al Vilon è l’occhio del fotografo fiorentino Massimo Listri a lasciare i “segni” del suo passaggio con le splendide fotografie ,sparse per l’ Hotel o raccolte nel piccolo spazio della quadreria.
Gli spazi comuni sono condivisi con l’estro di un altro artista Giampiero Panepinto, che infonde un tocco di estrosa creatività fatta di colore e fantasie dei tessuti, ben visibile tra il Lounge Bar chiamato In Salotto e il Ristorante Adelaide. Atmosfera coloniale, quasi esotica, tra effetto jungle e bohémien nel patio esterno, dove è possibile cenare nelle sere d’estate o godersi un aperitivo.

Detail of the livingroom at Hotel Vilòn in Rome

Diciotto tra camere e suite, ognuna diversa dall’altra, Art deco carta da parati per 9 Vilòn Charming che affacciano sul giardino privato di Palazzo Borghese.Bagni ampi e rifiniture in marmo chiaro. le 3 Vilòn Charming Terrace hanno la vista esclusiva sul giardino privato di Palazzo Borghese. Svegliarsi al mattino, fare colazione sull’elegante e grazioso tavolino in terrazza, essendo circondati da tanta bellezza, sicuramente un ottimo inizio di giornata.
Sempre colori pastello per le 3 Vilòn Charming Deluxe con un grande letto matrimoniale e spaziosi bagni  con la zona doccia separata dalla zona toilette, da perdersi tra cura per il corpo e grandi specchi.

Vilòn Charming

Grande metratura per le 3 Signatures Suites (oltre 80 mq ognuna) una diversa dall’altra, degli appartamenti pronti a rendere la permanenza unica e indimenticabile. La Vilòn Suite accoglie il “padrone di casa” con un ampio ingresso che poi si apre sulla zona living, divani e mobili bohémien dialogano perfettamente con la tappezzeria orientaleggiante dove protagoniste sono le peonie. Una grande libreria a giorno separa la zona notte, arredata con bellissimi quadri raffiguranti silhouette ed eleganti dame. La sala da bagno, che gode di luce naturale, è finemente decorata in marmo e riflette i colori della Suite. Dispone di un’ampia cabina doccia e lavandini doppi. A rendere la Suite ancora più preziosa, un bagno turco in un ambiente tutto per sé.

Detail of the Borghese suite at Hotel Vilòn in Rome

La Suite Melangolo ruba il nome alla precedente definizione di via dell’Arancio. Luminosa e anch’essa con ampia terrazza, gode di un angolo studio separato dalla zona notte. Il pavimento in parquet dona atmosfera calda e confortevole.

Detail of a bathroom in a suite at Hotel Vilòn in Rome

Infine la Suite Borghese può disporre di un grande letto matrimoniale o all’occorrenza letti singoli.Una grande cabina armadio separa la zona notte dai 28 mq della sala da bagno, elegantemente rifinita in marmo e delicata tappezzeria. Qui, quattro grandi finestre illuminano l’area che offre una doppia cabina doccia, vasca da bagno, doppi lavandini e toilette separata. La magnifica vista sul giardino di Palazzo Borghese rendono l’atmosfera suggestiva e unica.

Detail of a bedroom at Hotel Vilòn in Rome

RISTORANTE ADELAIDE
Il nome del ristorante rende omaggio alla principessa Borghese, donna colta e generosa, che ne rispecchia anche l’eleganza e lo stile. La colazione è il primo momento di felicità dell’ospitalità gourmet che si può respirare fin dal primo mattino. Buffet o carta per un’ampia scelta di sapori e croissant fragranti, dolci da credenza, frutta fresca, taglieri di formaggi, centrifughe e succhi, senza dimenticare l’attenzione della cucina per uova preparate in tanti modi diversi.

detail of the restaurant at Hotel Vilòn in Rome

I sapori che si trovano qui sono nostrani, classici, ma preparati dalle giovani mani dello Chef Gabriele Muro e la sua brigata. Nato sull’isola di Procida 35 anni fa, ha seguito la sua passione passando per Achilli al Parlamento, realtà stellate in Svizzera e in Spagna (Ramòn Freisa a Madrid).Significativo è stato il passaggio da Pietro Leeman al Joia Alta Cucina Naturale in giovanissima età.
Gabriele ha verso il cibo e la cultura della tavola quell’amore e quella passione che poteva avere il cuoco di una famiglia aristocratica d’altri tempi. Prepara con amore i suoi piatti in questa “grande dimora”, che rimandano un po’ alla cucina dei monzù, quell’arte culinaria tutta partenopea per quanto d’ascendenza francese, che regala pietanze iconiche come il sartù, il gateau, il crocchè, preparati spesso con dedizione per il Pranzo della Domenica, che prende il posto al moderno brunch, per un ritorno alle nostre tradizioni per un’attesa tavola imbandita di giornata di festa.


Nel Menu di Adelaide gusto contemporaneo e vero: Fish&Cheap, Storia di un Pesce Povero, mantecato di pesce azzurro, cipster, pak-choi, prezzemolo; sapori che spaziano nella cucina italiana, per esempio Capriccio d’Estate, Linguine di Gragnano mantecate ai ricci di mare, carpaccio di pezzogna, menta, capperi e limone candito, aglio, olio, baccalà sfogliato, mollica di pane e polvere di prezzemolo. Citazioni romane come Un Pizzico di Roma, Plin ripieni di vitello alla Fornarina e spuma di patate, che non possono mancare e piatti simbolo della classicità mediterranea rivisitata secondo uno stile fatto di semplicità e memoria, intuizione e storia, concretezza e creatività equilibrata, stagionalità dei prodottti, tecniche di cottura leggere nel pieno rispetto e valorizzazione della materia prima. Un mix di tradizione e contemporaneità. Emblematico ll Vizio del Marinaio, sandwich di spigola, scarola ripassata, lattuga di mare e caviale. O la Triglia Evergreen, piatto di grande soddisfazione adagiata su una vignarola e aglio nero. Sapienza nella scelta delle materie prime rigorosamente del territorio, le verdure dell’orto, le paste artigianali. Merita attenzione la Carta dei Dolci a cura del giovane chef pâtissier Andrea De Benedetto, 27 anni. Vi svelo un segreto è un biscotto morbido alla mandorla, crumble di mandorla, namelaka alla mandorla, gel di pompelmo e agrumi freschi. Tu vuò fà ll’americana è un brownie alle banane, semifreddo alle noci pecan, pralinato di pecan, composta di banana, cialda di pane e banane caramellate. Il Mont Vilòn, il dolce più iconico, solo in stagione, è una sfera di meringa ripiena di salsa di caki freschi, mousse alla vaniglia e spaghetti di marroni.

Una fornita carta dei vini dà ampia scelta tra vini e champagne (80 referenze) con informazioni su vitigni e spunti a margine.
Una mise en place elegante e sobria, grazie alle porcellane orientali e alle stoviglie della Manifattura Ginori, che ci fanno sentire subito l’ospite atteso, in un’ atmosfera sofisticata, ma confortevole.
Un servizio pieno di attenzioni, ma mai troppo formale, un lusso sottovoce e discreto grazie alla cura del Maitre Toni Rossetti.
Quaranta posti a sedere tra interno e patio, tra felci e filodendri, location perfetta per colazioni di lavoro, aperitivo speciale o una cena romantica.

la colazione perfetta

LOUNGE BAR  IN SALOTTO
Scendendo per la cena si può oziare sorseggiando un aperitivo, oppure spostarsi rilassati dopo la cena, momento sempre perfetto per accomodarsi sui divani del Salotto tra lampade decò, specchi e libri. Il grande ed elegante bancone in rovere è palcoscenico di preparazioni raffinate e ricercate dirette con sapiente eleganza da Magdalena Rodriguez. Sicura e determinata bar lady originaria del Costa Rica , vi trasporterà con la sua mixology verso atmosfere tropicali, ricche di erbe aromatiche, spezie e fiori. Una carta con 18 cocktails che includono i classici riproposti come l’Hemingway Daiquiri, il Bamboo Martini, l’Old Pal e tanto altro. Non potevano mancare i segnature Vilòn : Sangue Nobile, Luxurious Spritz, e Ottobrata Romana che è tra i più amati. Omaggio anche a uno dei cocktail più conosciuti ed apprezzati nel panorama internazionale come il Negroni che Magdalena affina in una caraffa di cristallo.Sorseggiare cocktail shakerati con la verve e la maestria di Magdalena e il suo splendido sorriso , sarà la garnish perfetta per la vostra serata.

Magdalena Rodriguez

Riscoprire in un Hotel come il Vilòn il gusto e lo stile un po’ dimenticati. Un luogo fatto di bellezza e di eleganti abitudini che non passeranno mai di moda, un piacevole appuntamento quello di frequentare gli hotel anche per una colazione o un aperitivo, che gli stranieri ci fanno riscoprire, una pausa di felicità in cui gli italiani hanno basi solide per l’accoglienza e il sorriso, splendido come quello di Giorgia Tozzi, il direttore del Vilòn, che rispecchia l’energia singolare e incantevole di questo luogo.

Giorgia Tozzi,General Manager of Hotel Vilòn in Rome

VILÒN Luxury Hotel, Via dell’Arancio 69 – 00186 Roma –
Adelaide e In Salotto Ristorante & Bar
tel. 06/878187
www.hotelvilon.com

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: