USA: 29enne rischia la vita dopo il morso di un ragno violino

Può essere incredibile scoprire come, nonostante l’attenzione che si può prestare al proprio benessere fisico, possano verificarsi degli eventi impossibili da controllare in grado di cambiare radicalmente la vita di una persona, arrivando a mettere a rischio la salute. Eventi inaspettati possono prendere il sopravvento sulla nostra vita, ed è purtroppo ciò che di recente è accaduto negli USA, ad una ragazza di 29 anni.

L’episodio è avvenuto all’inizio dell’estate e ha visto protagonista una ragazza di 29 anni che ha assistito impotente ad una serie di eventi che l’hanno portata quasi a perdere la vita. Tutto a causa del morso di un piccolo ragno che l’ha costretta per diverse settimane in ospedale, con delle conseguenze con le quali dovrà convivere per il resto della vita.

L’incredibile episodio di cui stiamo parlando è avvenuto il 26 giugno scorso ed ha come protagonista Claressa Coleman, una donna sposata di 29 anni che vive in Arkansas. Come al solito, quella notte, la donna dormiva accanto al marito, quando improvvisamente si è svegliata sentendo una strana sensazione, simile ad una puntura. Pensando si trattasse di un semplice insetto, è tornata a dormire.

Il giorno dopo, mentre si preparava per andare a lavoro, ha notato una piccola ferita tra spalla e braccio destro. E’ qualche ora dopo, tuttavia, che la situazione inizia a peggiorare. Al lavoro la donna inizia a sentirsi male e per questo viene rimandata a casa dal suo capo. Durante il tragitto, tuttavia, i sintomi sono peggiorati convincendo la donna a recarsi in ospedale per comprendere l’origine del suo malessere. Dopo una serie di analisi si è scoperto che la donna era stata morsa da un ragno eremita marrone ancora piccolo (conosciuto anche come ragno violino), scoprendo inoltre di essere allergica al suo veleno.

Inizialmente è stata rimandata a casa, ma pochi giorni dopo è stata costretta a tornare in ospedale, a causa di un repentino peggioramento. La reazione allergica ha iniziato a compromettere gli organi di Claressa, costringendola a rimanere attaccata ad alcune macchine per aiutare gli organi compromessi. In seguito alle cure i medici sono riusciti a salvare la vita della ragazza che, intorno alla metà di luglio è tornata a casa, ma è probabile che per il resto della sua vita dovrà convivere con problemi a reni e cuore.

Di ragno violino, ricordiamo, si è già parlato di recente anche in Italia, per il caso dell’uomo Cagliari la cui morte, dopo tre mesi dal ricovero in ospedale, è stata inizialmente attribuita al morso di un ragno violino.

Commenti

commenti