Tide Pods Challenge: in cosa consiste la nuova pericolosa sfida in voga tra i teenager statunitensi

L’entrata in scena dei social network, lo abbiamo ricordato in molte occasioni, ha senza dubbio cambiato il modo in cui le persone comunicano attraverso il web, restando di fatto costantemente connessi alla rete, e se da un lato sono molti i pregi che queste piattaforme di comunicazione possono vantare, non mancano gli aspetti negativi e potenzialmente pericolosi.

Questi, come già noto, derivano dall’uso scorretto che si tende a fare dei social network, magari contribuendo a condividere e quindi a diffondere contenuti che tutto sono meno che divertenti. Un triste esempio di quanto appena descritto sono le “challenge” (sfide) che spingono generalmente i teenager a compiere azioni tutt’altro che intelligenti. E’ il caso della Tide Pods Challenge, che ormai da alcuni mesi continua a spopolare tra i giovani statunitensi e che ha già causato il ricovero di decine di adolescenti che hanno deciso di partecipare a questo folle gioco.

Ma in cosa consiste questa assurda sfida che continua a fare il giro dei social network e che mette in pericolo la salute di chi vi partecipa? Per scoprirlo è sufficiente scrivere Tide Pods Challenge su qualsiasi motore di ricerca sul web, per visualizzare centinaia di immagini e video di giovani che si sottopongono a questa sfida. Per partecipare è necessario masticare una capsula di detersivo per lavatrice fino alla fuoriuscita del sapone. La sfida, inoltre, viene ripresa e successivamente condivisa sui social, spingendo altri giovani all’emulazione.

Ovviamente la pericolosità è data dal fatto che ingerire detersivo può essere non solo pericoloso, ma addirittura fatale. Si tratta di sostanze che, ingerite, possono provocare difficoltà respiratorie, vomito e perdita di coscienza, ma anche conseguenze peggiori per la salute. Secondo l’American Associations of Poison Control Centers da inizio anno sono già stati 37 i casi di intossicazione tra gli adolescenti. Nel 2017 sono stati 220 i casi di intossicazione registrati e di questi il 25% di quelli che hanno coinvolto adolescenti sono stati attribuiti proprio alla pericolosa Tide Pods Challenge.

A dimostrare la preoccupazione generata dalla diffusione di questa assurda “prova di coraggio” ci sono anche le dichiarazioni rilasciate dalla direttrice della Consumer Product Safety Commission, che sottolinea come quello che è nato come un gioco si è ormai spinto troppo oltre.

Bisogna anche ammettere che non si tratta del primo episodio del genere. Molte altre in passato sono state le sfide pericolose che hanno coinvolto teenager. Un altro triste esempio è quello che andava di moda poco tempo fa e che spingeva a mangiare un cucchiaio di cannella, cercando di resistere più a lungo possibile senza bere acqua. Anche in quel caso esistevano rischi per la salute.

Share

Commenti

commenti