Terremoto: il terrore arriva con un suono profondo

A scuola, a mio figlio di nove anni hanno chiesto di fare una ricerca sul terremoto. L’ho aiutato come potevo, cercando nozioni che potessero essere semplici nella comprensione del fenomeno che è naturale, ma tanto tremendo che spazza via tutto ciò che è esistente nella superficie. Il fenomeno è molto più profondo ed è qualcosa che in alcune parti del nostro pianeta sarà sempre presente. Nel fare la ricerca ho riscoperto i termini placche e faglie.  Ho ricordato anche i termini relativi alle manifestazioni  oscillatorie e sussultorie. Spiegarlo ad un bambino  non è sempre semplice, ma anche noi adulti non ne sappiamo poi molto. Oggi ve lo racconto così, senza pretendere di saperne molto di più di chi legge, ma avendo avuto tempo di approfondirne la lettura e permettere di fissare almeno i termini principali.

Poi una curiosità, terrificante, che riguarda l’anno in corso, il 2018. Una previsione fatta da alcuni studiosi americani che prevedono manifestazioni di tale fenomeno, entro la fine dell’anno, in misura molto violenta. Vado con ordine:

I TERREMOTI

Un terremoto, si riflette sulla superficie della terra attraverso delle Vibrazioni. Viene dalla frattura delle rocce in profondità. Questa fratturazione è dovuta a un grande accumulo di energia che viene rilasciata, creando o producendo i danni, quando viene raggiunto il punto di rottura meccanico delle rocce.

La Crosta terrestre  è composta da diverse grandi lastre che si evolvono l’una rispetto all’altra: alcune si scostano, altre convergono e altre si scorrono.

Circa il 90% dei terremoti si trova vicino ai confini di queste placche.

Gli scienziati conoscono le cause dei terremoti: è l’energia rilasciata quando le placche tettoniche del pianeta si muovono. È la previsione di questi terremoti che pone un problema. In realtà, si limita a una vaga idea della frequenza dei terremoti secondo la regione.

In tutta la storia dell’umanità, le teorie più fantasiose sono servite a spiegare i terremoti, uno dei fenomeni terrestri più imprevedibili e pericolosi. I racconti popolari giapponesi attribuiscono terremoti a un pesce gatto che lotta, mentre le leggende indù danno la colpa ai movimenti di elefanti che trasportano la Terra sulle loro spalle. Certo, la realtà è diversa e dà spunti di riflessione.

La superficie del globo è composta da una dozzina di pezzi di grandi dimensioni. Queste sono le cosi-dette placche tettoniche. Si adattano l’un l’altro come pezzi di un puzzle e formano il guscio esterno della Terra. Queste lastre si muovono di alcuni centimetri all’anno. Il movimento delle placche l’uno rispetto all’altro crea localmente l’attrito che le costringe a deformarsi. Pertanto accumulano energia fino alla rottura improvvisa. È il terremoto.

Le intersezioni tra queste placche sono chiamate faglie e talvolta sono visibili ad occhio nudo. La maggior parte dei terremoti si verifica vicino a queste. Durante i loro movimenti, le placche tettoniche possono “urtare” lungo le faglie. E mentre continuano il loro movimento, la pressione aumenta. Quando questa pressione diventa troppo grande, si verifica un’improvvisa scivolata della piastra. Lo shock risultante causa il rilascio di energia sotto forma di onde sismiche. Sono queste onde che provocano la sensazione di tremore che ha dato il nome al fenomeno del Rimbalzo Elastico.

Il calore sotterraneo crea Moti Convettivi che modificano le proprietà delle rocce e le fanno muovere, facendo sì che le piastre sopra di esse si spostano contemporaneamente. In questa grande pentola, alcune piastre si discostano. Altre si avvicinano e si scontrano. Altre ancora scorrono l’una sull’altra o si scorrono  accanto. In ogni caso, è qui, ai margini di queste piastre, che si verificano la maggior parte dei terremoti. Limitate  per centinaia o addirittura migliaia di anni, le rocce raggiungono infine una soglia di compressione  meccanica oltre la quale non possono resistere. Si rompono rilasciando improvvisamente tutta l’energia accumulata, come un elastico teso fino a spezzarsi. Se il tremore è violento, la rottura raggiunge la superficie e crea sconvolgimenti fisici nel paesaggio.  Nel caso opposto (e questi sono i più numerosi), lo scuotimento rimane confinato in profondità e nessuno lo sente.

La previsione dei terremoti è un compito difficile. Molti fattori sono coinvolti nel sistema di placche tettoniche della Terra e gli scienziati stanno appena iniziando a orientarsi. È importante sapere che gli scienziati hanno una buona conoscenza della frequenza dei terremoti derivanti da fenomeni  ampiamente studiati e dai quali sono disponibili dati estesi. Tuttavia, non è ancora possibile prevedere la data di un terremoto futuro. I geologi stanno ancora capendo alcuni dei concetti base che governano i terremoti. Potrebbe essere necessario del tempo per ottenere previsioni affidabili.

La forza di un terremoto viene misurata sulla scala Richter. Ogni numero su questa scala rappresenta la quantità di energia rilasciata che causa il terremoto. Un leggero terremoto avrà lo stesso effetto di un momentaneo disturbo dell’orecchio interno, uno giramento di testa,  sottile che molte persone non percepiscono nemmeno. D’altra parte, un grande terremoto può demolire edifici, liquefare il suolo e creare situazioni estremamente pericolose.

Ecco una descrizione di alcune caratteristiche e frequenze dei terremoti secondo la loro forza sulla scala Richter:

  • Tra 2.0 e 3.9: nessun danno o danno limitato. Molto frequente
  • Tra 4,0 e 4,9: sentito dalla maggior parte delle persone nella zona. Gli oggetti potrebbero cadere, ma il danno rimane limitato. se ne verificano dai 10.000 a 15.000 all’anno.
  • Tra 5.0 e 5.9: sentito da tutta la popolazione della zona. Gli edifici mal costruiti possono essere danneggiati. accade 1.000 a 1.500 volte all’anno.
  • Tra 6,0 e 6,9: la maggior parte degli edifici nell’area sono danneggiati e si prevedono morti. Da 100 a 150 all’anno.
  • Tra 7.0 e 7.9: grave terremoto con danni significativi alle infrastrutture; le morti possono essere contate a migliaia. Da 10 a 20 all’anno.
  • Tra 8.0 e 9.0 (o più): considerato un “grande” terremoto che può causare la distruzione quasi totale degli edifici. Si estende  su una vasta area, si verificano cambiamenti permanenti nel paesaggio e il numero di morti è indefinibile.

Terremoti in breve:

  • Il 27 febbraio 2010 un terremoto di magnitudo 8.8 ha spostato la città di Concepcion, in Cile, a tre metri a ovest. Lo shock è stato così forte che si pensa abbia influito sulla rotazione della Terra.
  • Non vi è alcuna prova tangibile che i terremoti e il clima siano correlati. I movimenti delle placche tettoniche hanno poco effetto sul tempo e, al contrario, non sono influenzati dalle condizioni atmosferiche.
  • Un terremoto con epicentro in mare può causare uno tsunami, un muro d’acqua che precipita sulla costa ad una velocità terrificante di 750 km / h.

 

Il ciclo sismico in breve: Il Rimbalzo elastico

Mentre in profondità, le placche tettoniche si  muovono regolarmente da pochi millimetri a pochi centimetri all’anno, nella parte superiore della crosta terrestre (primi 30 km), questo movimento non è continuo. Possono rimanere bloccati per lunghi periodi, mentre il movimento regolare delle placche (convergenza o divergenza) continua.

In base alla teoria del rimbalzo elastico una zona in cui si è appena manifestato un terremoto dovrebbe aver raggiunto un nuovo equilibrio, che garantirebbe un periodo di tranquillità sismica. L’intero processo si può schematizzare come un ciclo sismico, diviso in quattro stadi: Stadio intersismico: nel quale inizia l’accumulo di energia. Stadio presismico: nel quale la deformazione della roccia si accentua progressivamente. Stadio cosismico: nel quale l’energia potenziale si libera sotto forma di calore e di movimento. Stadio postsismico: nel quale la regione interessata passa ad un nuovo equilibrio attraverso una serie di scosse successive (o repliche).

Nella zona posta in superficie sulla verticale dell’epicentro del terremoto, arriva un groviglio di onde suddivise in tre gruppi:
1)Le onde longitudinali (o di compressione) con oscillano avanti e indietro nelle direzioni di propagazione dell’onda stessa 2)Le onde trasversali (o di taglio) con delle oscillazioni perpendicolari alla direzione di propagazione.3)Le onde superficiali si propagano invece dall’epicentro lungo la superficie terrestre e si dividono in onde L e R.

Le sollecitazioni tettoniche si allentano, la faglia viene di nuovo bloccata e il ciclo sismico ricomincia.

Il 2018 potrebbero esserci  molti terremoti di grande ampiezza. Un fenomeno che può essere spiegato scientificamente.  Le variazioni nella velocità di rotazione della Terra potrebbero scuotere il terreno. Se questo cambiamento sarà solo un millisecondo al giorno, sarebbe sufficiente innescare terremoti di grande ampiezza. Per raggiungere questa conclusione, i ricercatori hanno studiato tutti i terremoti di magnitudo 7 e superiori registrati in tutto il mondo dal 1900.

Attraverso le loro ricerche, gli scienziati hanno osservato picchi di terremoti ogni trentadue anni circa. Precisamente, ci sono già stati cinque periodi di forte attività sismica. Come spiegarlo? Gli scienziati statunitensi hanno sottolineato il legame tra la diminuzione della rotazione terrestre e il numero di terremoti. Dal 1900, ci sono stati periodi quinquennali durante i quali la rotazione della terra è diminuita. E molti terremoti si sono verificati l’anno successivo. La Terra ha dovuto affrontare questo ciclo di rallentamento per quattro anni, che è quindi piuttosto preoccupante per il 2018. “L’interferenza è chiara, quest’anno potremmo dover assistere a un aumento significativo del numero di gravi terremoti “.

Sebbene imprevedibili, i terremoti sono all’origine di vari segni ambientali, come un’attività insolita dei geyser a Yellowstone o un’alterazione del comportamento di alcuni animali. Per anticipare meglio questo fenomeno, gli uomini studiano il loro funzionamento e cercano di individuare i segnali di allarme. Si stanno migliorando costantemente gli edifici ( o si dovrebbe) per tenere conto della violenza dei terremoti e si studia la geologia del territorio per far fronte al rischio di Tsunami nelle zone marine.

Share

Commenti

commenti