Scegliere una Business School per i master in management

In questo articolo cerchiamo di fornire un quadro ampio per dar modo a chi sta pensando di iscriversi ad un master in management di scegliere oltre che al tipo di corso anche la Business School più adatta allo scopo. Ciò che si vuole da un master è che sia utile per il proseguio della propria vita formativa e quindi lavorativa.

Il primo mito da sfatare è quello per cui più un corso post laurea più costa più è valido. Il concetto di concorrenza ci aiuta a spiegare meglio questo punto. Le Business School offrono un piano formativo basato su diversi elementi, fra questi vi è sicuramente la qualità dei propri docenti, l’essere parte di una rete collegata anche alle eccellenze territoriali e quant’altro. Ci sono dei costi concreti che si devono affrontare per poter offrire un corso in management. Immaginati una Business School che non è in grado di ottimizzare i suoi costi. Una situazione paradossale non credi? Con ciò non significa che il miglior listino prezzi di un corso determini anche il migliore in assoluto, ma certamente ci dice che ciò che interessa a noi è il piano formativo e la qualità dei docenti.

Una buona reputazione della scuola certamente ha una sua importanza, un master fatto alla Bologna Business School è sinonimo di garanzia per il livello di corsi che notoriamente offre. Il piano formativo deve essere valutato punto per punto. Se sei orientato ai corsi che guardano alla globalizzazione, va da se che ci dovrà essere un periodo di nozioni acquisite in classe, ma poi occorre un periodo più concreto in cui le aziende che affrontano ogni giorno la globalizzazione vengano a fornire la loro testimonianza.

E’ un buon metodo valutativo anche conoscere chi spiegherà l’argomento, saperlo prima ci permette di assumere maggior consapevolezza della natura del corso. Ormai ci sono social di tutti i tipi per conoscere la vita professionale anche di un docente. Ciò che preme verificare è l’attinenza della materia con l’esperienza sul campo del corpo docente.

I case History sono importanti per scegliere un buon master

Un ottimo modo per capire se il corso è quello giusto è sicuramente la presenza dei Case History. Oltre alla teoria la pratica, cosa c’è di meglio se non toccare con mano l’esperienza diretta del manager che ti parla del caso del suo brand? In fondo se il master sta parlando di aziende non sarebbe corretto prevedere un legame molto stretto con esse?

Fai attenzione a questo punto che ritengo fondamentale. Il manager che viene a fare visita alla Business School  ha un preciso compito per la tua formazione. Non si tratta di parlare dell’azienda in senso generico ma di ricevere contributi specifici. Se il corso parla del marketing in generale e il manager di un’azienda della ristorazione commerciale a catena, tiene una o più lezioni e parla della sua azienda in generale ed in modo impersonale, non sta travasando nessuna conoscenza. Al contrario se invece ti propone un tema come quello del Local Store Marketing (il marketing locale), allora si che ti sta dando un orientamento deciso.

Il buon senso deve farti capire dove ci sono ottime strutture e quindi formazione, e dove invece ci sono solo delle offerte non realistiche. Un Master non è un modo diretto per entrare in un’azienda. Che possa succedere è un altro film. Il master prepara e deve farlo al massimo delle possibilità, ti aggiorna e ti forma, questo è il suo compito e per questo lo devi scegliere.

Un ultimo punto riguarda in un certo senso l’aspetto logistico. Un master si sceglie per i punti sopra descritti non perché la scuola che lo offre è vicina. Certamente se vivo a Bologna ne approfitto se ho una Business School eccellente ma il punto è che se vivo a Genova e scelgo un master di un’altra città che ritengo adatto, devo prevedere di andarci per seguirlo.

Share

Commenti

commenti