I pescatori greci pagati per raccogliere i rifiuti catturati dal mare per il riciclaggio

pescatori

Il problema “inquinamento” sfugge sempre più di mano. I nostri mari sono pieni di plastica, plastica che sta profondamente modificando un ecosistema molto precario.

Per aiutare a pulire i mari della Grecia, ai pescatori vengono pagati 200 euro al mese per riciclare i rifiuti dalle loro reti. Sempre più plastica e lattine vengono estratte dalle acque e dai pesci. Una nuova compagnia greca chiamata Enaleia ha il sostegno di donatori greci e stranieri per introdurre un modo di pesca più sostenibile.

Nell’ultimo anno, Lefteris Arapakis, fondatore di Enaleia e del suo team, ha avviato un programma ambizioso con i pescatori greci. Hanno dato incentivi finanziari, quindi quando i pescatori trovano rifiuti nelle loro reti non li gettano in mare, ma li tengono riciclati in seguito. Arapakis e l’organizzazione Enaleia sono stati incoronati Young Champions of the Earth dal dipartimento Ambiente delle Nazioni Unite a giugno.

Arapakis ha detto: “Abbiamo rimosso una lattina di Coca-Cola con un colore molto strano. Così ho capito e ho visto che era scaduto nel 1987. Questa cosa era in mare da 30 anni. Questa è stata la prima cosa che mi ha scioccato. La seconda cosa era vedere il pescatore gettarlo di nuovo in mare. Mi ha detto che non è stato pagato per catturare rifiuti, ma pesce

Dopo solo alcuni mesi, molti pescatori hanno già cambiato le loro abitudini.

Anche se iniziano a farlo per i soldi, non ce ne sono molti, ma presto lo apprezzeranno: stavo parlando con un capitano quando mi ha detto che nei vecchi tempi era solito gettare la sua tazza di plastica nel mare ma ora lo getta nel bidone della spazzatura e gli ho ricordato che questo era solo 6 mesi fa, non vecchi tempi “, ha aggiunto Arapakis.

Cosa si può fare con i rifiuti riciclati dal mare?

Ogni mese tonnellate di rifiuti di plastica e reti fantasma vengono rimosse dai mari greci. Enaleia ha anche un piano per riciclarli.”Reti, corde e altro vengono spediti all’estero dove vengono riciclati e convertiti in calze, costumi da bagno e altre cose utili. Materie plastiche, lattine e altri rifiuti sono messi su una linea di riciclaggio che abbiamo creato con un’azienda certificata“, ha aggiunto Arapakis .
Affrontare la minaccia dei rifiuti dagli oceani

Ci deve essere una cooperazione estesa, la gente deve smettere di buttare via la plastica, le aziende dovrebbero smettere di usarla come materiale di prima qualità e le nazioni devono aiutare e dobbiamo continuare a rimuoverla dai mari”, ha detto Arapakis.

I pescatori si sentono stimolati da questo programma. Sanno che si aiutano anche a ripulire il mare.

Quando tutti questi oggetti sono nel mare, come bottiglie, borse, plastica di tutti i tipi, persino motocicli e biciclette, questo sforzo deve continuare, il mare è la nostra vita“, ha detto il pescatore Christos Panayiotou.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: