Papa Francesco impone nuove regole sulla denuncia di abusi sessuali all’interno della Chiesa

Papa Francesco ha emesso nuove regole globali per denunciare gli abusi sessuali nella Chiesa cattolica, imponendo per la prima volta che tutte le diocesi istituiscano sistemi per denunciare abusi e insabbiamenti.

Le nuove regole richiedono che tutte le diocesi cattoliche di tutto il mondo dispongano di un sistema “pubblico e accessibile” per segnalare gli abusi entro il 1 giugno 2020.

Le nuove norme riguardano la procedura interna della Chiesa Cattolica e rappresentano un’imposizione dall’alto verso il basso che deve essere seguita da tutte le diocesi.

L’arcivescovo Charles Scicluna, il principale investigatore vaticano sugli abusi sessuali, ha detto alla CNN che le nuove regole aggiungono maggiore responsabilità per i leader della chiesa.

Prima di tutto che la leadership non è al di sopra della legge“, ha detto Scicluna, “e in secondo luogo che la leadership ha bisogno di sapere, tutti noi in leadership dobbiamo sapere, che se la gente ama la Chiesa, ci denuncerà quando facciamo qualcosa di sbagliato. “

La maggior parte delle diocesi negli Stati Uniti e in Europa ha già questi sistemi e le nuove norme saranno probabilmente più importanti nei paesi in cui non esistono già linee guida ben definite per la segnalazione e la gestione degli abusi sessuali.

Secondo le nuove regole, le indagini su rapporti credibili di abusi sessuali devono essere completate entro 90 giorni, e una clausola di non ritorsione protegge la persona che denuncia abusi da pretese o obblighi per loro di tacere.

Il cardinale ufficiale della Città del Vaticano, Marc Ouellet, ha dichiarato al quotidiano interno del Vaticano che l’obbligo di rendiconto obbligatorio era l’elemento più importante delle nuove regole.

Ouellet ha detto all’Osservatore Romano che è significativo che “oltre agli abusi sui minori e sugli adulti vulnerabili si denunciano anche molestie o violenze di abuso di potere“.

Per decenni la Chiesa cattolica è stata tormentata da una serie di scandali di abusi sessuali in diversi paesi del mondo.

Le nuove norme seguono un incontro globale sull’abuso sessuale in Vaticano a febbraio e rappresentano l’impegno di Papa Francesco di offrire “misure concrete” per combattere l’abuso sessuale.

Non c’è mai stato un sistema uniforme e universale nella Chiesa cattolica per riferire e indagare sulle accuse di abuso.

Le nuove regole erano contenute in una lettera apostolica, chiamata “Motu Proprio”, rilasciata personalmente da Papa Francesco, che richiede un periodo di prova di tre anni per l’iniziativa.

Sebbene le norme rappresentino un importante chiarimento delle procedure da seguire, esse non trattano la questione di cosa succede a un prete o vescovo che infrange queste regole.

Ad oggi, nessun funzionario della chiesa è stato pubblicamente sanzionato per insabbiamento, e la mancanza di responsabilità è qualcosa su cui i sopravvissuti sono stati preoccupati per anni.

Dopo che il vescovo Robert Finn, ex capo di una diocesi di Kansas City, è stato condannato per non aver denunciato abusi sui minori nel 2012, i sostenitori dei maltrattamenti sono stati irritati dal fatto che il Vaticano gli abbia permesso di quietamente dimettersi piuttosto che autorizzarlo pubblicamente.

Negli Stati Uniti, un vescovo e un avvocato canonico hanno elogiato la nuova mossa del Papa.

Accolgo con favore il nuovo motu proprio di Papa Francesco, con le sue chiare procedure per la responsabilità dei vescovi e la protezione di coloro che riportano che gli abusi diventano la legge universale della Chiesa“, ha twittato il vescovo John Stowe di Lexington, nel Kentucky.

Kurt Martens, un professore di diritto canonico dell’Università Cattolica d’America a Washington, ha definito le nuove regole un “dono immenso e rivoluzionario a tutta la Chiesa”.

La nuova legge offre protezioni per i whistle blower per tutti i reporter delle vittime e richiede che ogni diocesi nel mondo abbia modi pubblicamente accessibili per segnalare abusi“, ha scritto Martens.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: