Paga-la-mossa, imperversa tra gli adolescenti… e non solo

Ma cos’è questo “paga-la-mossa”? Un gesto, un okey, come si faceva tanti anni fa prima dell’avvento del pollicione di Fonzie. Poi relegato a gesto volgare ed oggi riabilitato per questo gioco (demenziale tra ragazzi-ni). Ma che significa paga la mossa? Tanti anni fa, … tanti ahimè, il paga la mossa consisteva nel non muoversi quando qualcuno faceva un gesto fintamente violento nei confronti dell’altro. Quest’ultimo doveva reagire come un cane da caccia, cioè non reagire. Qualora si fosse mosso o spaventato, avrebbe dovuto pagare per la mossa fatta. Aveva un senso, non per fare il vecchio, ma il senso era che ti eri mosso, per cui non avevi “gli attributi” e dovevi pagare la tua paura. Ma il guardare il cerchietto fatto tra pollice e indice, insomma il vecchio okey, mi sfugge, ma lo accetto, come si accettano un po’ tutte le cose che fanno i figli e ci si ride anche su. Una scemenza che li fa sorridere e che alla fin fine coinvolge.

Abbiamo passato un pomeriggio intero a prendere oggetti ad indicare cose a giustificare mosse, sempre con quel gesto, con quell’indicazione, che l’altro non avrebbe dovuto guardare. Se invece viene notato, se gli occhi sono posati sul cerchietto… “paga la mossa”.

Ci sono delle regole ben precise da seguire:

Il gesto non va fatto sopra le spalle;

Se lo guardi vieni punito con sette colpi  sulla spalla e uno sempre sulla spalla ma  con il gomito;

C’è poi il “cerchio falso“, che non vale. Le dita ufficiali sono solo pollice ed indice, che cambia dita paga la penitenza.

C’è una contromossa e una contro-penitenza: Se la vittima iniziale riesce a bucare il tondino può colpire lui colui che ha fatto il tondino con altrettanti – sette colpi+ gomito.

I trucchi: Lo starnuto, il cartellino dell’arbitro, indicazione del ginocchio ferito….

(Fonte: Andrea, mio figlio)

In alcune zone d’Italia è conosciuto come “cerchietto” o “tondino”, è  molto popolare tra i ragazzini, principalmente di genere maschile e molto praticato. C’è sempre uno sfondo di sfida e rivalsa violenta (per gioco sia ben chiaro), con colpetti e gomitate. Un gioco tipico del branco dei cuccioli di uomo. Premia la rapidità e l’imprevedibilità, ma anche non dare troppa attenzione alle richieste d’attenzione altrui. L’inganno è sempre in agguato.

Paga-la-mossa è un gioco, sfida, richiamo, è un modo per socializzare, per picchiare, per deridersi, per….perder tempo a fare qualcosa d’inutile, ma che non fa male a nessuno.

Ah se hai guardato

Paga la mossa

(video originale de iPantellas)

Share

Commenti

commenti