OneTaste/OM, meditazione orgasmica, nuova moda dagli States

#onetaste
#OrgasmicMeditation
Nascono a San Francisco dei centri benessere molto particolari. Non SPA o Wellness. Non stiamo parlando dei luoghi in cui praticare  Yoga. Si tratta di meditazione vissuta con una “partecipazione molto particolare” che porta all’orgasmo.

All’inizio pensavo si trattasse di una di quelle bufale che girano su internet. Poi ho scoperto,  cercando un po’ di più, andando a scovare proprio un articolo locale del New York Time, qualcosa risalente al 2011, dove si parlava proprio dell’apertura di questi centri, sparsi per tutti gli States. Qui veniva seguita questa filosofia/terapia. Poteva essere di coppia, oppure attraverso personale preparato e addestrato a “praticare queste manovre”.

One Taste/ OM: che cos’è? direttamente dal loro sito di tutte persone sorridenti: Si tratta della pratica della meditazione che si fa con un’altra persona, volta al raggiungimento dell’orgasmo. La pratica dell’OM si produce con il toccare il clitoride di un’altra persona per 15 minuti senza altro tipo di contatto o sensazione. La Pratica dell’OM è  data dal combinare la meditazione con l’esperienza puramente fisica connessa all’orgasmo. 

Forse non ho tradotto bene, forse sono molto greve o poco informato. Sono anche un po’ ignorante, ma in pratica c’è qualcuno che masturba una donna per 15 minuti, senza alcun altro tipo di rapporto, mentre lei medita.

In fondo leggendo bene sul sito si parla di esperienze attraverso le quali è possibile spingere le persone verso l’empatia, verso un benessere che supera l’atto sessuale, regalato proprio da questa meditazione  che integrata dall’atto di sfregamento, di tocco/Taste, aiuta a raggiungere picchi unici di piacere.

Chi si è profuso verso questa ricerca deve averne vissute tante nella vita. Leggendo l’articolo del “The New York Times”, l’ideatrice di OM è una persona che ha fatto molte esperienze, tal Nicole Daedone

C’è anche una giornalista che ha parlato di OneTaste, come di un’esperienza unica. Lei è Emily Witt, che ha pubblicato un libro “Future Sex”, in cui parla dell’evoluzione del sesso, da un punto di vista femminile e di come siano cambiate le posizioni nella società moderna nel vivere e sentire il sesso. Parla delle sue esperienze e  di OneTaste, come qualcosa affrontata scetticamente, ma che le ha lasciato un ricordo che ora apprezza. Vivere la propria sessualità come qualcosa di meditativo. E’ un  viaggio alla scoperta del sé. Ma non solo, perchè il sè è la parte meno interessante, che meno la soddisfa. Vuole provare e far provare, dare per ricevere, senza però percorrere le strade già visitate, andando oltre. Un percorso introspettivo e incredibilmente onesto, ma apparentemente ancora incerto sul suo futuro sessuale. (Mah)

La domanda infine, A chi piacerebbe percorrere nuove strade per provare piacere?  Come riuscire a rendere l’atto sessuale più intenso e che perduri non solo fisicamente ma nell’animo?

Ecco OneTaste/OM è proprio quella pratica che attiva una serie di impulsi mentali e fisici che combinati portano a picchi altissimi di piacere. Si tratta di Meditazione Orgasmica.

In pratica si può fare insieme al proprio partner, e se non si ha partner, l’organizzazione fornisce “Uno stimolatore……umano”. Questi per quindici minuti stimola il clitoride secondo manovre ben definite senza arrivare subito all’orgasmo, ma vivendo del piacere delle sensazioni trasmesse. Devono concentrarsi su quelle sensazioni. Una specie di Slow Food del sesso. C’è un masturbatore che però, piano piano, con calma, fa arrivare all’orgasmo, e poi continua, piano piano a giocherellare riuscendo a far continuare questo stato per tanto tempo (veri professionisti, altro che American Gigolò).

Nicole Daedone ha creato tutto questo. E’ la fondatrice e CEO di OneTaste, l’autrice di “Slow Sex: the art and craft of the female orgasm”, 

Ci sono dei Corsi attraverso delle Classi Fisiche, dove seguire, imparare e usufruire del “Corso” e della Meditazione Orgasmica.

Ci sono dei Corsi Teorici On.Line da seguire (pagando con carta di credito) con classi virtuali che insegnano la stimolazione.

Hanno creato anche un’App sia per I-Phone, che per Android da scaricare – a pagamento – per fare pratica a stimolare le giuste zone “la prima guida virtuale alla meditazione orgasmica”. Ci sono Video che spiegano come stimolare bene la zona e c’è chi spiega con una gomma di quelle dietro alle matite, come operare facendo “up-stroke” “Down Stroke”

Tutto questo nuovo modo della Meditazione Orgasmica o OM ha un prezzo e anche caro. E allora tutto diventa più chiaro.

https://onetaste.us/

Commenti

commenti