Netflix: nuove opzioni per controllare il consumo dei dati da mobile

Netflix_consumo_dati_cellulare

E’ da quasi 10 anni che Netflix ha iniziato a investire sullo streaming di contenuti, partendo dagli USA e arrivando ad espandere la propria influenza  in un numero sempre maggiore di paesi del mondo, arrivando ad offrire un vastissimo catalogo di contenuti che comprendono serie televisive prodotte dalla stessa società e da altre emittenti televisive, documentari, film e tanto altro ancora, dando vita a quello che oggi è un vero e proprio colosso dello streaming che conta 70 milioni di abbonati in 190 paesi.

La particolarità di Netflix, come già noto, è che offre l’accesso al servizio da qualsiasi dispositivo connesso alla rete, che si tratti di smart tv, pc, smartphone, tablet e console per videogiochi, ma soprattutto da mobile, quando ci si trova fuori casa, uno dei problemi maggiori può essere l’eccessivo consumo del traffico dati che rischia di ripercuotersi sui costi. Ed è proprio per incontrare le esigenze degli utenti mobile che Netflix ha lanciato una nuova serie di opzioni che permettono di gestire al meglio il consumo di dati da rete mobile.

Questa nuova funzione, accessibile dall’app Netflix per Android e iOS, consente di scegliere la migliore opzione di consumo dei dati in base alle proprie esigenze, scegliendo quindi di modificare la qualità del video per risparmiare sul traffico dati consumato. Per accedervi è necessario aprire l’app, andare nelle impostazioni e accedere alla sezione Consumo dati cellulare.

Qui sono presenti un totale di sei opzioni. La prima permette di impostare l’uso di Netflix esclusivamente su reti Wi-fi. Altre tre opzioni invece, Low, Medium e High, permettono rispettivamente di guardare 4 ore, 2 ore e 1 ora di streaming per ogni gigabyte di traffico utilizzato. Infine, l’ultima opzione, è consigliata esclusivamente a chi possiede un piano dati illimitato, arrivando infatti a consumare 1GB di dati in soli 20 minuti di streaming.

La decisione di offrire questa nuova funzione, ha spiegato il Direttore Responsabile dell’Innovazione del Prodotto di Netflix, Eddy Wu, deriva dal fatto che dal lancio del servizio a livello globale, sono stati analizzati diversi volumi di streaming da smartphone e piani dati degli utenti, e se l’impostazione predefinita consente di godere di circa 3 ore di streaming per ogni GB consumato con una qualità video buona e un consumo di dati ridotto, l’obiettivo della società è quello di andare incontro a chi, invece, possiede un piano dati più stringente e deve quindi fare i conti con limitazioni maggiori.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: