Myanmar rilascia i giornalisti della Reuters vincitori del premio Pulitzer

Wa Lone e Kyaw Soe Oo al momento del loro arresto

Dopo oltre 500 giorni dietro le sbarre, due giornalisti della Reuters condannati per aver violato l’ “Official Secrets Act” del Myanmar sono stati rilasciati dal carcere.

I due uomini, Wa Lone, 33 anni, e Kyaw Soe Oo, 29 anni, sono stati perdonati dal presidente Win Myint. Sono stati perdonati come parte del costume di amnistia di Capodanno in cui migliaia di persone sono state rilasciate dalle carceri sovraffollate del paese.

Folle di sostenitori e membri della stampa salutarono gli uomini mentre uscivano dalle porte della prigione di Insein vicino alla città di Yangon, sorridendo ampiamente.

Sono davvero felice ed entusiasta di vedere la mia famiglia ei miei colleghi“, ha detto Wa Lone ai giornalisti mentre lasciava la prigione. “E non vedo l’ora di tornare nella mia redazione.”

I due sono stati arrestati a dicembre 2017 fuori da un ristorante a Yangon.

A quel tempo, stavano lavorando a un’indagine su un massacro di 10 uomini Rohingya nello stato di Rakhine in Myanmar. Quel rapporto ha vinto il premio Pulitzer il mese scorso.

In tribunale, come ha riferito la Reuters, Wa Lone ha descritto la notte del loro arresto, quando apparentemente erano gli obiettivi di un set-up. I reporter si incontrarono con due agenti di polizia per un drink e uno spuntino in una birreria all’aperto, e mentre stavano andando via, uno di loro consegnò a Wa Lone un giornale con deu documenti all’interno. Uomini in abiti civili li circondarono e uno gridò: “Questi sono documenti segreti!” Wa Lone e Kyaw Soe Oo furono ammanettati e gettati nelle macchine.

Reuters ha sempre mantenuto l’innocenza dei due mentre combatteva per la loro liberazione.

Wa Lone e Kyaw Soe Oo sono stati condannati a sette anni di prigione a settembre, condannati per aver infranto una legge del 1923 relativa al possesso di documenti ufficiali secondo cui “potrebbe essere o è destinato a essere, direttamente o indirettamente, utile a un nemico“. Due settimane fa, i giornalisti hanno perso il loro ricorso davanti alla Corte Suprema del Myanmar, esaurendo le loro vie per appelli legali.

Le loro mogli hanno scritto al governo per chiedere un appello, ha detto Reuters, così da permettere ai due uomini di essere riuniti con le loro famiglie. La moglie di Wa Lone scoprì che era incinta del loro primo figlio poco dopo il suo arresto; ha visto sua figlia solo raramente mentre era in prigione. Kyaw Soe Oo ha una figlia di tre anni con sua moglie. Entrambi i reporter provenivano da ambienti provinciali.

I giornalisti sono stati rilasciati da Lord Ara Darzi, un chirurgo britannico che è stato membro di un comitato consultivo del governo di Myanmar e di un rappresentante di Reuters. È stato coinvolto nelle discussioni sul perdono e ha affermato che il loro rilascio “mostra che il dialogo funziona, anche nelle circostanze più difficili“.

La notizia del rilascio ha portato sollievo a coloro che avevano lavorato per assicurarsi la loro libertà.

Siamo estremamente lieti che Myanmar abbia rilasciato i coraggiosi giornalisti, Wa Lone e Kyaw Soe Oo“, ha detto in una nota il redattore capo della Reuters Steve Adler. “Fin dal loro arresto, 511 giorni fa, sono diventati simboli dell’importanza della libertà di stampa in tutto il mondo. Accogliamo con favore il loro ritorno“.

Le Nazioni Unite hanno espresso il loro apprezzamento per la loro liberazione e hanno considerato “un passo avanti verso il miglioramento della libertà di stampa e un segno dell’impegno del governo per la transizione della Birmania verso la democrazia.” Le Nazioni Unite sono pronte a continuare a sostenere il Myanmar nel suo complesso processo di transizione.

L’avvocato per i diritti umani Amal Clooney è stata consulente dei giornalisti e della Reuters. Ha avuto elogi per la persistenza del proprio datore di lavoro.

È stimolante vedere un’agenzia di stampa impegnata a proteggere gli uomini innocenti e la professione di giornalismo“, ha dichiarato Clooney in una nota. “È stato un onore rappresentare Reuters e i due giornalisti in questo caso e spero che la loro uscita segnali un rinnovato impegno per la libertà di stampa in Myanmar“.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: