Le vacanze si pagano a rate. Prestiti per 100 milioni di euro per pagarsi le vacanze nel 2017

Il caratteristico caldo estivo ha iniziato a raggiungere quasi tutto il territorio italiano e come avviene ogni anno in questo periodo si avvicina il momento delle ferie per milioni di italiani che scelgono di trascorrere il proprio tempo libero in vacanza per godersi il meritato riposo, organizzando partenze che permettono di raggiungere mete turistiche sul territorio nazionale ma anche al di fuori dei confini italiani.

A prescindere dalla meta scelta per trascorrere le vacanze, sembra essere cresciuta un’abitudine che coinvolge un numero sempre maggiore di connazionali. Parliamo della scelta di chiedere un finanziamento per pagarsi le meritate vacanze estive. E’ un fenomeno che i portali di comparazione dei prezzi Facile.it e Prestiti.it hanno fotografato offrendo una visione dettagliata di questo nuovo trend che sembra coinvolgere sempre più i giovani under 30.

In tempi in cui le spese, di certo, non mancano e i soldi non sono infiniti, può rivelarsi utile chiedere un piccolo finanziamento da pagare con piccole rate mensili per organizzare una vacanza indimenticabile ed essere certi di godersi qualche settimana di relax. Ed è proprio questo fenomeno che negli ultimi anni sembra essere cresciuto. Tanto che, secondo i dati diffusi da Facile.it e Prestiti.it si traduce in 98 milioni di euro la cifra chiesta in finanziamenti dagli italiani, nel 2017, per pagare le vacanze.

I dati sono stati raccolti prendendo in considerazione 110.000 domande di prestito personale registrate nel 2017, e rivelano che in media ogni prestito si aggira intorno a €4140, con un piano di restituzione in 39 rate da circa €115 al mese. Il fenomeno, tuttavia, continua a crescere, tanto che nel primo trimestre 2018 la cifra media dei prestiti è salita a €4787.

Allo stesso modo, invece, è diminuita l’età media di chi richiede un finanziamento, e questo dato è attribuibile all’aumento degli under 30 che si rivolgono alle finanziarie. Rispetto al 2016 che vedeva solo il 15.6% dei giovani under 30 rivolgersi ad una finanziaria per pagare le vacanze, nel 2017 lo stesso dato è cresciuto al 32.8%. Proprio questo dato appare positivo, considerando che per ottenere un prestito è necessario offrire delle garanzie, e potrebbe evidenziare un miglioramento delle condizioni lavorative degli under 30 e di conseguenza una maggiore fiducia nel futuro.

Gli stessi dati confermano che questa tipologia di prestito viene richiesta nel 28.6% da persone con età compresa tra 30 e 39 anni e nel 22.7% da chi ha tra i 40 e 49 anni. Lo stipendio medio dichiarato al momento del prestito si aggira sui €1518, nel 75% dei casi si tratta di uomini e se il 77% dichiara un lavoro per azienda privata a tempo indeterminato, nel 12% si tratta di lavoratori autonomi. Anche in questo caso, infine, si registrano differenze di retribuzione tra uomini e donne. Per la prima categoria lo stipendio medio dichiarato è di €1559. Dato che per le donne scende a €1391.

Share

Commenti

commenti