Italiani scettici verso Unione Europea e moneta unica

euroLa fiducia nei confronti dell’Unione Europea è bassa. Soprattutto in Italia. È quanto emerge dall’ottavo rapporto “La sicurezza e l’insicurezza sociale in Italia e in Europa”, realizzato da Fondazione Unipolis, Demos&Pi e Osservatorio di Pavia, che è stato presentato martedì scorso a Roma.

Il sondaggio, effettuato tra il 12 e il 23 gennaio in sei Paesi europei (Italia, Francia, Germani, Gran Bretagna, Spagna e Polonia), rivela come abbiano fiducia nell’Unione Europea soltanto il 27,4% degli italiani intervistati. Si tratta del dato più basso rispetto agli altri Paesi oggetto dell’indagine. Solo in Germania coloro che hanno fiducia nell’UE sono più della metà (53,4%). Bassa fiducia anche in Gran Bretagna (28%), mentre in Francia (43%), Polonia (42,1%) e Spagna (40,5%) sono circa 4 intervistati su 10 ad avere fiducia.

Interessanti anche i dati riguardanti il giudizio sulla moneta unica. In Italia, Francia, Germania e Spagna prevale la posizione di coloro secondo i quali l’Euro “sta creando qualche complicazione, ma è necessario all’Europa”. Tra i quattro Paesi quello in cui la percentuale di intervistati che ha dato questa risposta è più alta è l’Italia (53,8%), che fa registrare invece il dato più basso per la risposta “ha prodotto e produrrà solo vantaggi”. Il 30,5% degli intervistati italiani ritiene che la moneta unica “comporta solo complicazioni, dovrebbe essere abbandonata”.

Se si analizza la vicinanza ai partiti di questo 30,5%, emerge che circa 4 intervistati su 10 vicini a Forza Italia (42,1%), Lega Nord (43,4%) e Movimento 5 Stelle (42,6%), ossia i principali partiti di opposizione, sono “euroscettici”. La percentuale cala notevolmente tra gli intervistati vicini al Partito Democratico, tra i quali solo il 18,3% è favorevole all’abbandono dell’Euro.

(Fonte dell’immagine: Alf Melin)

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: