Il Batterio che mangia la Plastica, una buona notizia dal Giappone

batterio plasticaRecentemente un team scientifico presso l’Istituto di Tecnologia di Kyoto, in Giappone, ha scoperto un tipo di batterio in grado di mangiare plastica (si chiamano Ideonella sakaiensis 201-F6 ). Una scoperta che potrebbe aiutare a risolvere l’inquinamento rifiuti di plastica/Pet e materiali sintetici presenti  in tutto il mondo.

Secondo quanto descritto nella ricerca che ne è seguita, il batterio è in grado di digerire e assimilare uno dei tipi più comuni di plastica, polietilene tereftalato chiamato (PET), che si occupa di contenitori per bevande o prodotti di pulizia.

Il Team guidato dai Prof.  Kohei Oda e Shosuke Yoshida ha mostrato come il batterio è in grado di degradare quasi completamente, grazie a due enzimi, una sottile pellicola di PET (Polyethylene terephthalate) in sole sei settimane se è ad una temperatura di 30 gradi.

I batteri isolati posti in un apposito contesto potrebbero così abbattere e metabolizzare plastica. La proliferazione di materie plastiche in prodotti di consumo, dalle bottiglie all’abbigliamento, ha provocato la dispersione di innumerevoli tonnellate di materiale sintetico nell’ambiente. Yoshida ha mostrato come la biodegradazione delle plastiche da batteri specializzati potrebbe essere una strategia praticabile.

La nuova specie, Ideonella sakaiensis, rompe la plastica utilizzando due enzimi per idrolizzare PET e una reazione primaria intermedia, per ottenere alla fine elementi di base per la crescita.

Una buona notizia per l’ambiente. Secondo il World Economic Forum (WEF per il suo acronimo in inglese) circa un terzo di questi contenitori finiscono fino abbandonati in natura, in quanto solo il 14 per cento vengono riciclati.

plastica2

PET:

Poli (etilene tereftalato) (PET) è ampiamente utilizzata a livello mondiale nei prodotti di plastica, e il suo accumulo nell’ambiente è diventato un problema globale.

PET è l’abbreviazione di una particolare materia plastica che appartiene alla famiglia dei poliesteri, parola che deriva dal prefisso greco ‘poli-‘ , che significa ‘molti’, ed ‘-esteri’ che sono dei composti formati dalla reazione degli alcol con gli acidi attraverso un legame chimico conosciuto come legame estereo. Il poliestere PET è composto dall’alcol etilenglicole [EG] dall’acido tereftalico [TPA], e il suo nome chimico è Polietilentereftalato o PET.

Le materie prime del PET derivano dal petrolio greggio. Dopo raffinazione e separazione del greggio in una serie di derivati del petrolio si ottengono i due composti intermedi del PET o monomeri, i quali vengono purificati e miscelati in un grande contenitore sigillato di tipo pentola a pressione, e riscaldati fino a 300°C in presenza di un catalizzatore. Ciascun composto intermedio ha due identici punti di reazione ed è quindi capace di formare catene legando assieme diverse molecole individuali per formare un polimero. Poiché il PET è facilmente lavorabile per stampaggio a iniezione e soffiaggio o per estrusione quando è allo stato fuso, può essere preparato su misura per soddisfare praticamente qualsiasi richiesta. Le applicazioni tipiche includono: bottiglie, vaschette, vassoi, fogli per cibi.

Logo pet

Share

Commenti

commenti