Che fine hanno fatto: Steffi Graf e Gabriela Sabatini

C’era un tempo in cui loro erano le regine incontrastate dei campi da tennis di tutto il Mondo. Steffi Graf era praticamente imbattibile, la numero uno, (a parte il suo incubo Monica Seles)  per concentrazione, tenacia, un dritto potentissimo e un ottimo gioco in campo. C’era poi Gabriela, bella, dolce e ugualmente tenace. Incantava per il stile elegante e potente. acquisiva un gran fascino quando era sudata. Due Icone, due miti del tempo appena trascorso. Qualche anno fa, che poi pensandoci bene, di anni ne sono passati un bel po’.

Steffi ha trovato l’amore sempre sui campi da tennis, con un giovincello che aveva cominciato coi capelli lunghi, per poi cambiare decisamente look. Un giovincello che era un campione di primissimo livello, Andrè Agassi, il simpatico campione che aveva tante fans. Con lui ha messo su famiglia ed ancora oggi sono una coppia affiatatissima. Dalle tristi vicende che l’avevano coinvolta per una padre maldestro e incapace, Steffi è risorta e ha trovato l’amore. Si è sposata nel 2001 con Andrè e con lui ha avuto due figli, Jaden Gil e la più piccola Jaz Elle.

Carriere:

Stefi Graf:  Ha vinto ben quattro tornei del Grande Slam + il Titolo Olimpico. Questo gli valse il titolo del Golden Slam (unica atleta ad averlo mai vinto). Altri successi sono stati il WTA Championship, la Fed Cup (1987/1992). E’ l’atleta femminile con il maggior numero di vittorie in carriera. Ben 900. Ha vinto 107 titoli nelle varie competizioni in cui ha partecipato. Nel 1987 divenne la tennista numero uno al mondo. Tale titolo lo conquistò  battendo prima a Roma Gabriella Sabatini e a Parigi al Rolland Garros la Navratilova.  Dal 1989 al 1991 non ce ne fu per nessuna. Praticamente ha vinto tutte le manifestazioni più importanti a cui partecipava. Ha perso alcuni incontri con la grande Martina Navratilova e però si stava affacciando la sua grande nemica. Monica Seles. La quindicenne che veniva dalla allora Jugoslavia, presentava caratteristiche tecniche e fisiche che si dimostrarono davvero un grande ostacolo per la tedesca. Dal 1992 al 1993 La Graf dovette abdicare per la giovane Jugoslava che praticamente la sconfisse in moltissime occasioni aggiudicandosi il Grande Slam. La acarriera fu lunga e piena di soddisfazioni. Steffi ha vinto tutto ciò che poteva vincere. Si ritira a trent’anni, nel 1999 quando ancora avrebbe potuto esprimersi alla grande. Aveva dato tanto e tanto e forse non aveva neppure più le giuste motivazioni per tanta fatica. Resta un palmares da far invidia a qualsiasi altro giocatore. Relativamente all’altra protagonista di questo articolo, possiamo dire che Steffi e Gabriela si sono incontrate 40 volte e 29 volte ha vinto la tedesca e 11 l’argentina (Ma nelle occasioni importanti quasi sempre la prima sulla seconda). Nemiche in campo sono però state anche molto unite e hanno conquistato insieme per ben due volte Wimbledon e anche la finale in alcuni tornei di Francia. E’ stata proprio Steffi Graf ad introdurre Gabriela nella Hall of Fame of tennis il 15 luglio 2006.

 

Gabriela Sabatini ha cominciato a giocare a tenni prestissimo a soli 6 anni e ha vinto il suo primo torneo all’età di 8 anni. Nel 1983, all’età di 13 anni, è diventata la più giovane tra le giocatrici di tennis a vincere  l’Orange Bowl a Miami, Florida. Ha vinto sei grandi titoli junior internazionali, 
Nel 1985, in età di 15 anni  Sabatini è stata la giocatrice più giovane a raggiungere le semifinali al French Open, dove ha perso a Chris Evert. Ha però vinto il suo primo titolo proprio quell’anno,  a Tokyo.
Nel 1988, Sabatini ha raggiunto la sua prima finale di Grand Slam al US Open affrontando proprio Steffi Graf  che l’ha sconfitta.  Sabatini ha rappresentato  l’Argentina nelle Olimpiadi estive del 1988 di Seul (dove ha vinto  tanto e conquistato la medaglia d’argento – ha perso in finale sempre con la Graff)Ha anche vinto i campionati del WTA Tour di fine anno 1988.
 
Il  Grande Slam nel singolo  per Gabriela è arrivato nel  1990, dove ha di nuovo affrontato Graf nella finale del US Open, ma in quell’occasione  l’ ha battuta. Poi ancora quell’anno nella semifinale dei WTA Tour Championship, perdendo però la finale con la Seles. 
Il 1991 sembrava il suo anno. Aveva vinto tanto, ben 5 tornei, ma nella finale del Grande Slam ha nuovamente perso con Steffy Graf.  Per Gabriela  Sabatini è sembrava potersi realizzare il suo sogno di essere la numero uno a livello mondiale nel 1992, ma anche in quell’occasione, le sue più agguerrite nemiche glielo impedirono.  Tutte e tre  si classificarono vicinissime nella  classifica finale, ma non prevalse lei. 
Nel 1989, ha lanciato il suo profumo, semplicemente denominato “Gabriela Sabatini”.  Si è ritirata presto dalle competizioni dedicandosi principalmente ai suoi profumi (che hanno avuto un grandissimo successo). Nel 1992 le fu dedicata una nuova varietà di rosa rossa che fu chiamata proprio “Gabriela Sabatini Rose” in suo onore.
Nel 1994  venne fatta anche una bambola con le sue sembianze, vestita da tennis. Nello stesso anno, Gabriela Sabatini ha pubblicato un libro intitolato “My Story”. Gabriela Sabatini ha concluso definitivamente la sua carriera nel 1996. Nel suo palmares può annoverare 27 titoli singoli e 14 titoli doppi. Ha raggiunto il suo ranking più alto del mondiale n ° 3 nel 1989. La sua ultima partita di singoli professionisti è stata il 14 ottobre 1996.
Gabriela non era allora e non lo è ancora oggi, una persona a cui piaceva mettersi in mostra. L’abbiamo ritrovata, come donna elegante e raffinata, non più la maschiaccia dei campi da tennis, molto differente ma ancora bellissima.
Della sua vita privata si sa poco o niente. A parte qualche flirt nell’ambito del mondo del Tennis non si hanno notizie circa una storia importante di cui parlare. Si sono – ovviamente – scatenate voci e allusioni mai confermate.
Stefanie Maria Graf: è nata a  Mannheim  (Ger) il 14 giugno 1969. Alta un metro e settantasei centimetri
Gabriela Sabatini è nata a Buenos Aires il 16 maggio 1970. Alta un metro e settantacinque centimetri 

Commenti

commenti