Casa EditriceProssime uscite: Il Segreto delle sette dame

Facebook: è di 150 il limite di amici reali che si possono avere sul social network

Il voto degli utenti
[Totale: 0 Media: 0]

Facebook_amici

Sono oltre 1.5 miliardi le persone che ogni mese si connettono a Facebook, un dato che evidenzia l’enorme diffusione che questa piattaforma continua ad avere sulla vita delle persone che si affidano al social network per condividere istanti della propria vita o per restare in contatto con familiari, amici e conoscenti vicini e lontani.

Spesso e volentieri si trovano pagine sul social network che presentano centinaia di ‘amici’, ma una teoria che di recente è stata pubblicata sulla rivista Royal Society Open Science, rivela che il limite massimo di amici reali che si possono avere sul social network è di 150.

La teoria riassunta nel concetto denominato ‘Numero di Dunbar’, che prende il nome dal professor Robin Dunbar, rivela che a causa delle limitate capacità del cervello umano e il tempo libero a disposizione, non consentirebbero di coltivare un numero superiore a 150 amicizie anche nel mondo digitale.

Secondo lo psicologo Dunbar, è come se ogni persona avere un capitale sociale e potesse decidere di distribuirlo tra un numero limitato o una grande quantità di persone, decidendo quindi in che modo coltivare ogni amicizia.

La teoria in questione, aggiunge che i rapporti di amicizia possono essere suddivisi in cerchi sempre più grandi, permettendo quindi ad ogni persone di avere almeno cinque amici intimi, 15 migliori amici, 150 amici, 500 conoscenti e 1500 persone che si è in grado di riconoscere a vista.

Su Facebook, al contrario, è possibile aggiungere centinaia e persino migliaia di utenti alla propria lista di amici, comprendendo quindi anche persone che nella vita reale si potrebbero considerare come semplici conoscenti. Dunbar ritiene quindi che la piattaforma guidata da Zuckerberg dovrebbe integrare una nuova categoria, oltre a quella degli amici, per i conoscenti, rendendo l’esperienza più realistica.

Commenti

commenti