Due Inghilterra: grandi città e piccoli comuni divisi sulla Brexit

Mentre guidi nella città mercantile di Willenhall, nel centro dell’Inghilterra, le parole “Willenhall è meravigliosa” sono scritte a caratteri cubitali sul muro di un supermercato.

La gente del posto ride malinconicamente alla vista, perché ricordano con affetto quello che una volta era lì davanti al negozio – una rinomata fabbrica di serrature di Yale.

Se devi metterlo sul muro, Willenhall non è meraviglioso – non devi convincere te stesso,” Roger Wilcox, un residente locale, ha detto con una risatina al giornalista della CNN che lo ha intervistato.

Questa piccola città si trova a circa 15 miglia a nord-ovest di Birmingham, nella “Black Country” inglese, un’area che alcuni dicono prende il nome dal fumo creato dall’esplosione di fabbriche, miniere e mulini qui durante la rivoluzione industriale.

Si trovava quindi nel cuore dell’industria del lock-making (letteramente tradotto con creatori di serrature) del paese, che richiedeva abilità tramandate da generazioni e impiegava migliaia di persone.

Ma non esiste più. La produzione di serrature britanniche è diminuita alla fine degli anni ’80, quando è diventato più economico importare dall’estero e molte attività commerciali sono state chiuse.

L’industria dei lucchetti di Willenhall è diminuita negli anni ’80, in seguito alla recessione e alla concorrenza delle importazioni straniere più economiche.

Il declino ha colpito duramente le famiglie nella regione, rendendo le molte abilità locali ridondanti da un giorno all’altro e bloccando la crescita di Willenhall.

Quasi ogni giorno vedi un macchinario su un camion che lascia la città e pensi ‘è stato venduto in India, è stato venduto in Cina’ e naturalmente anche i lavori stanno andando” Wilcox disse.

Willenhall, situata nel distretto metropolitano di Walsall, è ora tra le zone più povere dell’Inghilterra, con tassi di disoccupazione più elevati rispetto ad altre aree del paese. I cittadini dell’area hano votato per il 67,9% per lasciare l’Unione Europea nel referendum del Regno Unito del 2016.

Walsall North, il collegio elettorale di Willenhall, ha anche contribuito con il minor numero di firme di qualsiasi collegio elettorale alla petizione Revocare l’articolo 50 nel marzo 2019, chiedendo che il Regno Unito restasse nell’UE.

Questa petizione è stata così popolare che si è ripetutamente schiantata sul sito web del Parlamento britannico e ha fatto notizia per aver attirato oltre 6 milioni di firme.

Solo 1.900 residenti di Walsall North hanno firmato la petizione mentre la città sudoccidentale di Bristol, che ha votato il 61,7% di rimanere nell’UE, si è seduta all’estremità opposta della scala. Più di 37.000 persone della circoscrizione di Bristol Ovest hanno chiesto la cancellazione della Brexit.

Il tentativo fallì, ma queste firme – o meno – raccontano la storia di una spaccatura tra due Englands che esisteva molto prima del voto sulla Brexit, ma emerse in seguito.

Molte persone ora si vedono o come Leavers o Remainers, ed è questa “identità Brexit” che ha cementato divisioni secolari in tutta la società del Regno Unito – per classe, età, valori e geografia.

Will Jennings, professore di scienze politiche e politiche pubbliche all’Università di Southampton, ha affermato che queste divisioni sono più importanti che mai. In parte perché Londra domina ancora il Regno Unito, ma anche le città postindustriali – molte delle quali nelle Midlands e nel nord – hanno trovato difficoltà ad adattarsi dopo il declino economico e demografico a lungo termine.

La grande differenza che vediamo tra le città centrali e le città minori è la grande divergenza tra l’età della popolazione“, ha detto Jennings, che ha trascorso cinque anni a studiare come il modello economico principale della Gran Bretagna favorisce le sue città nelle sue città.

Negli ultimi 30 anni le città inglesi sono invecchiate, mentre le città, come Bristol, sono diventate più giovani e più giovani. E perdendo le principali operazioni commerciali, città come Willenhall hanno perso una grande quantità di posti di lavoro. Il numero di persone con qualifiche e abilità professionali è rimasto stazionario quando i giovani si sono trasferiti nelle città.

La Brexit ha “cristallizzato” la divisione dell’Inghilterra, ha detto Jennings alla CNN, alimentando “una politica di risentimento, o reazione culturale … perché le popolazioni di diverse parti dello stesso paese … hanno punti di vista sempre più divergenti“.

Wilcox, che ha lavorato come funzionario di polizia a Willenhall da 30 anni, crede che la città abbia votato così pesantemente per lasciare l’UE perché i locali ritengono che sia “la terra che la volta ha dimenticato”.

Ha detto che i residenti qui spesso sentono di essere gli ultimi – se non del tutto – da considerare o consultare durante i cambiamenti politici. Per loro, il futuro sembra qualcosa che sta accadendo altrove.

Penso che la Black Country e le West Midlands siano state viste per lungo tempo dietro la curva, ricordo mia moglie quando ha lavorato a Londra, a Oxford Street, che se un rappresentante fosse stato inviato nelle West Midlands, sarebbe stato considerato un pubblicazione punitiva. “

Mike Batchelor, project manager in un negozio di beneficenza e centro di consulenza locale, Bridging the Gap, ha detto che i locali ora chiamano Willenhall una “città dormitorio” – un posto senza grandi industrie dove le persone viaggiano per grandi città o città vicine per lavoro.

Le cose cominciarono a sentirsi diverse quando le fabbriche chiuse dopo la recessione alla fine degli anni ’80, riflette.

All’inizio le persone potevano passare da un settore ingegneristico a un altro a causa delle competenze trasferibili, ma man mano che sempre più stabilimenti di ingegneria chiudevano e la produzione cambiava o andava all’estero … le competenze pratiche non erano più necessarie“, ha detto Batchelor.

“L’area stessa ha iniziato a sentirsi depressa – non solo gli individui, ma perché l’intera società stava cambiando“.

Batchelor ricorda come la strada principale fosse trafficata negli anni ’60, quando gli operai – che vivevano tutti localmente – si riversavano sulla strada e nel mercato.

Mentre il mercato continua a funzionare, su una scala più piccola, rimangono solo pochi negozi originali sulla strada principale. Alcuni nuovi negozi sono stati aperti, ma molti altri sono pubblicizzati come “da lasciare”. Anche la stazione di polizia, la stazione ferroviaria e l’ufficio postale di Willenhall sono state chiuse.

Sono quelle piccole cose in cui la città ha perso il suo status”, ha detto Wilcox. “Abbiamo perso parti significative della nostra identità“.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: