Alan Garcia, Ex presidente Peruviano, si è suicidato

Alan García (sinistra) insieme a Sebastián Piñera (destra)

L’ex presidente peruviano Alan Garcia è morto per una ferita da arma da fuoco autoinflitta alla testa mentre la polizia si preparava ad arrestarlo mercoledì mattina (17 Aprile 2019).

La sua morte è stata confermata dall’attuale presidente Martin Vizcarra, che ha espresso le sue condoglianze su Twitter.

Garcia, che ha ricoperto la carica di presidente dal 1985 al 1990 e dal 2006 al 2011, era sotto inchiesta per riciclaggio di denaro e tangenti in relazione a un enorme scandalo di corruzione che ha inghiottito un certo numero di ex leader latinoamericani.

Quando la polizia arrivò per eseguire un mandato di arresto a casa sua alle 6:30, Garcia disse che voleva chiamare il suo avvocato e andò nella sua camera da letto” afferma il ministro degli Interni Carlos Morán disse alla TV affiliata della CNN Perù.

Qualche istante dopo, si sentì uno sparo. “Gli agenti hanno forzato l’ingresso nella camera da letto, dove hanno trovato Garcia con una ferita alla testa”, ha detto Morán.

Garcia, 69 anni, è stato portato di corsa dalla polizia in un ospedale della capitale Lima, dove è stato rianimato tre volte, ma i medici non sono stati in grado di salvarlo, secondo il ministro della salute.

L’ex presidente ha preso la decisione di spararsi“, ha detto il suo avvocato Erasmo Reyna fuori dall’ospedale Casimiro Ulloa prima della morte di Garcia.

Devastato dalla morte dell’ex presidente Alan Garcia, invio le mie condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari”, ha twittato il presidente Vizcarra.

Scandalo di corruzione globale

Garcia è stato accusato di aver ricevuto tangenti da una delle più grandi imprese di costruzione dell’America Latina – la società con sede in Brasile Odebrecht – durante la costruzione di un treno elettrico per la metropolitana di Lima mentre era presidente durante il suo secondo mandato. L’ex presidente ha però negato le affermazioni.

Nel suo tweet più recente, pubblicato martedì, Garcia ha detto che non c’era “nessun briciolo di prove” contro di lui, accusato denuncianti peruviani di “SPECULAZIONE”.

Nel novembre dello scorso anno, Garcia aveva chiesto asilo all’ambasciata uruguaiana dopo che un giudice gli aveva vietato di lasciare il paese per 18 mesi. Il governo uruguaiano ha respinto la richiesta a dicembre.

Odebrecht è accusato di aver speso circa $ 800 milioni in tangenti tra il 2001 e il 2016 per ottenere contratti dai governi per costruire strade, ponti, dighe e autostrade.

Le autorità dicono che gli ufficiali di Odebrecht hanno spedito denaro in tutto il mondo – da un conto bancario a un altro – in rotta verso le tasche dei politici in una dozzina di paesi, tra cui Perù, Messico, Venezuela, Colombia, Argentina e Mozambico. Alcune delle bustarelle filtrate attraverso gli Stati Uniti.

Lo scandalo di corruzione – uno dei più grandi della storia moderna – ha coinvolto diversi ex presidenti latinoamericani.

L’anno scorso, il presidente peruviano Pedro Pablo Kuczynski si è dimesso un giorno prima che il congresso votasse sul suo impeachment. Ha continuato però a negare qualsiasi illecito nello scandalo Odebrecht.

L’Ecuador ha sospeso il vicepresidente Jorge Glas, che è stato successivamente condannato a sei anni di prigione a dicembre 2017 per aver ricevuto $ 13,5 milioni in tangenti da Odebrecht.

E l’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva sta scontando una pena di 12 anni per corruzione e riciclaggio di denaro, tra cui presumibilmente permettendo a Odebrecht di pagare per la casa di vacanza della sua famiglia.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: