Akihito, l’imperatore giapponese abdica a causa di problemi di salute

Akihito, imperatore giapponese dal 1989 al 2019

L’imperatore giapponese Akihito ha concluso il suo regno di tre decadi martedì, ritirandosi volontariamente a causa di problemi di salute per far posto a suo figlio nella prima abdicazione del trono del crisantemo dal 1817.

La sua era imperiale di 31 anni nota come Heisei, che può essere tradotto come “raggiungere la pace”, si concluse con una cerimonia alla quale parteciparono circa 300 leader politici e dignitari alle cinque del pomeriggio. ora locale presso il Palazzo Imperiale di Tokyo. Oggi, mercoledì 30 Aprile, suo figlio, il principe ereditario Naruhito, 59 anni, salirà al trono.

Era una cosa positiva per me, l’essere in grado di adempiere alle responsabilità dell’imperatore con profonda fiducia e amore dei miei cittadini“, ha detto Akihito, 85 anni, durante la cerimonia, parlando su un palcoscenico con l’imperatrice Michiko dalla sua parte “Apprezzo con tutto il cuore che i cittadini hanno accettato e sostenuto me come simbolo“.

Il primo ministro Shinzo Abe ha ringraziato l’imperatore per il suo regno, dicendo che Akihito ha dato al popolo giapponese “coraggio e speranza per il domani“.

Akihito ha aiutato a modernizzare la più antica monarchia ereditaria del mondo. Fu il primo imperatore giapponese a sposare un cittadino comune e il primo a regnare interamente sotto la costituzione pacifista postbellista degli Stati Uniti, che rese il ruolo strettamente simbolico.

Le sue scuse senza precedenti per l’aggressione bellica lanciata in nome di suo padre, Hirohito – nominato postumo dell’Imperatore Showa – contribuirono a facilitare le relazioni spesso difficili con i vicini Cina e Corea del Sud, che subivano pesanti colpi dal militarismo giapponese. Akihito parlava in giapponese ordinario, piuttosto che nella grammatica formale impiegata da suo padre, l’ultimo imperatore considerato dall’usanza precedente come una divinità vivente.

L’era di Heisei di Akihito è iniziata nel 1989, quando il Giappone era un colosso economico, le sue società sembravano inarrestabili ei suoi prodotti inondavano i mercati globali. Ma l’economia della bolla gonfiata dalle attività è crollata nel 1991 e circa 20 anni dopo, il vicina Cina, un tempo impoverita, lo ha superato come economia mondiale.

L’imperatore gestì disastri che dellla portata del terremoto del 1995 che devastò la zona di Kobe e il terremoto e lo tsunami del 2011 che colpì la costa nord-orientale, lasciando circa 20.000 tra morti e dispersi. Akihito e sua moglie Michiko hanno visitato i sopravvissuti nei rifugi e sono stati visti da molti in Giappone aiutare una nazione malconcia a riprendersi.

Il Giappone ha stanziato circa 16,6 miliardi di yen (149 milioni di dollari) per mesi di cerimonie legate al cambio dell’imperatore, il quotidiano Nikkei ha riferito a dicembre. Tantissimi sono stati i programmi televisivi che hanno percorso viaggi sentimentali negli anni dell’Heisei ricostruendo la sua storia.

Akihito, vestito in abiti eleganti, ha passato le ultime settimane del suo regno a visitare il paese insieme a Michiko, salutando la folla e compiendo rituali nei santuari per informare simbolicamente i suoi antenati della fine del suo impero.

Nel 2016, Akihito ha dichiarato al pubblico che potrebbe non essere più fisicamente in forma per svolgere i compiti a lui assegnati. Ciò pose le basi affinché il parlamento approvasse una legge una tantum circa un anno dopo permettendo l’abdicazione, con un pannello speciale che fissava il 30 aprile 2019 come la fine della sua era imperiale. L’ultimo imperatore ad abdicare fu Kokaku, che fece un passo indietro, due secoli prima, per lasciare il posto a suo figlio.

In pensione, Akihito prenderà il titolo di imperatore emerito e si trasferirà in una residenza imperiale più piccola con Michiko, che ha incontrato per la prima volta su un campo da tennis più di 60 anni fa.

a tennis più di 60 anni fa.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: