Addio Canone? Arriva “La Nuova Rai”

image

Nuova vita per la Rai, se il ddl che verrà presentato nei prossimi giorni troverà attuazione dopo il via libera del Ministero dell’Economia Pier Carlo Padoan. Tra le principali novità proposte da Matteo Renzi quella dell’abolizione del tetto massimo per le pubblicità. Una bella boccata d’aria per i canali Rai, che solo per Rai 1 porrebbero contare un aumento delle entrate pubblicitarie di  mezzo miliardo di euro l’anno in più.

Una soluzione che potrebbe portare all’abolizione del tanto odiato Canone. Una tassa che in molti evadono e che tutti detestano. Le soluzioni potranno essere due: o eliminarlo del tutto o inserirlo all’interno di altre tasse così da non poter più essere evaso. Ma l’apertura a una maggiore pubblicità sui canali pubblici, mantenendo i limiti dati dal Tusmar, il testo unico dei servizi di media audiovisivi e radio, fa ben sperare all’addio verso il canone.

Il disegno di legge è stato rinominato “La nuova Rai” e metterebbe fine al Regio decreto del 1938 e che impone ai contribuenti il pagamento dell’imposta sul semplice possesso della televisione.

Con la revisione dei limiti di affollamento pubblicitario, finirebbe anche la vita delle due leggi Gasparri e dalla Mammì. Quest’ultima, in particolare, stabilisce che “La trasmissione di messaggi pubblicitari da parte della concessionaria pubblica non può eccedere il 4% dell’orario settimanale di programmazione ed il 12 per cento di ogni ora; un’eventuale eccedenza, comunque non superiore al 2 per cento nel corso di un’ora, deve essere recuperata nell’ora antecedente o successiva

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: