Messico : crisi migranti e traffico di droga

La crisi al confine tra Messico e Stati Uniti rappresenta il punto principale sul quale si basa la propaganda di Trump. Che Trump voglia costruire il famoso muro per non far entrare i Messicani illegalmente negli Stati Uniti  è noto ai più. Ciò che è meno noto è che la questione migranti sta distogliendo l’attenzione da ciò che è stato per gli Stati Uniti il maggior problema degli ultimi quaranta anni: i cartelli messicani.

I cartelli messicani stanno usando la crisi dei migranti alla frontiera meridionale per sopraffare gli agenti statunitensi di stanza in modo da poter contrabbandare droga con maggiore facilità, ha detto James Carroll, direttore della White House Office of National Drug Control Policy.

Questi trafficanti di droga, sono intelligenti, sanno quello che stanno facendo“, ha detto Carroll durante un’apparizione di mercoledì su “Fox & Friends”. “Gli spacciatori mandano gli immigrati, aspettano che la dogana e la protezione delle frontiere siano gestite, che gestiscano [i migranti], che il confine venga aperto e che facciano il pieno di droga, inondando la zona di droga“.

Le famiglie centroamericane hanno raggiunto il confine in numero crescente da ottobre, creando quella che è ampiamente considerata una crisi umanitaria.

In alcune città, i giorni passano senza che nessuno venga processato. A San Diego vengono gestiti fino a 80 persone ogni giorno, ma la linea a Tijuana, oltre confine, è la più lunga ovunque – circa 4.800 persone.

Carroll ha osservato che più di 70.000 americani sono morti per overdose nel 2017, in gran parte a causa di sostanze illecite come il fentanil illecito e l’eroina.

Carroll ha anche affermato che l’anno scorso sono stati sequestrati oltre 1 milione di sterline di droga sul confine meridionale.

Non sappiamo quanta droga non siamo riusciti a ottenere“, ha ammesso, e poi ha aggiunto che il problema “droga” sta raggiungedo livelli critici.

Il governo messicano ha recentemente dichiarato che prevede di depenalizzare le droghe illegali, ed hanno affermato che ciò comporterebbe la messa in trattamento di persone al posto del carcere.

I funzionari hanno detto che la guerra alla droga in gran parte ha fallito e ha provocato più violenza e morti negli ultimi anni.

L’unica vera possibilità di ridurre i livelli di consumo di droghe è quello di revocare il divieto di coloro che attualmente sono illegali”, ha detto una dichiarazione che presidente messicano Andrés Manuel López Obrador che ha aggiunto che è necessario “reindirizzare le risorse attualmente destinate a combattere il loro trasferimento e applicarle in programmi – massicci, ma personalizzati – di reinserimento e disintossicazione “.

Carroll ha detto di non essere d’accordo con il nuovo approccio del Messico.

Questo renderebbe il problema molto peggiore per loro e noi“, ha detto Carroll.

Siamo impegnati a salvare vite umane“, ha detto Carroll. “Dobbiamo farlo.”

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: